Come scoprire se qualcuno ha usato il mio smartphone: trucchi e soluzioni

Soluzioni e app per Android e iOS per incastrare gli spioni di turno che tentano di accedere ai contenuti dello smartphone
Come scoprire se qualcuno ha usato il mio smartphone: trucchi e soluzioni
SmartWorld team
SmartWorld team

Quante volte è sorto il dubbio sull'utilizzo del nostro smartphone da parte di un'altra persona? In fondo, questo è un oggetto estremamente personale, in cui custodiamo informazioni personali, dati sensibili e documenti di lavoro. Alcuni contenuti sono estremamente riservati a tal punto che ne è a conoscenza solo il proprietario dello smartphone. Non sorprende allora che il pensiero che qualcuno possa aver curiosato nel nostro dispositivo e a nostra insaputa possa preoccupare se non inquietare.

Ci domandiamo quindi come fare a scoprire se qualcuno ha usato il mio smartphone. Quali sono i modi per incastrare chi è riuscito ad accedere ai nostri dati? Quali sono le misure di sicurezza più appropriate da adottare? Ecco alcune soluzioni utili.

L’importanza della schermata di blocco per evitare l’uso dello smartphone

Il primo sistema per tenere lontani i curiosi dal contenuto del nostro smartphone è impostare una schermata di blocco.

Si tratta di un passaggio apparentemente scontato ma che in realtà non lo è. La dimostrazione arriva dall'utilizzo di Pin piuttosto scontati, come la data di nascita, il numero della targa o le banalissime sequenze 0000 o 1234.

Le schermate di sblocco mostrano un avviso nel caso di superamento del numero di tentativi previsti che in genere sono 5. Se qualcuno ha tentato di accedere, basta quindi digitare appositamente il Pin errato oppure un pattern di sblocco sbagliato. Se il blocco temporaneo dello smartphone si attiva prima della quinta digitazione o della quinta sequenza errata, significa che qualcuno ha tentato di accedere allo smartphone.

Il consumo di batteria per scoprire se qualcuno ha usato il mio smartphone

Succede però che, per conoscenza o per fortuna, una seconda persona riesce ad accedere ai dati contenuti nel device. A quel punto, come fare a scoprire se qualcuno ha usato il mio smartphone? Il primissimo modo è esaminare i dati dettagliati dell'utilizzo della batteria. Sia il sistema operativo Android e sia iOS per iPhone e iPad offrono statistiche dettagliate sui consumi.

Da device Android occorre aprire il menu Impostazioni e premere sulla voce Batteria. Alcune personalizzazioni di Android mostrano un grafico dettagliato dei momenti in cui lo smartphone è stato utilizzato.

La procedura è simile su iOS. Bisogna quindi aprire l'app Impostazioni e premere su Tempo di utilizzo e poi su Visualizza tutte le attività. Dopodiché scorrere fino alla sezione Attivazioni schermo dove è presente un comodo grafico con tutti gli orari in cui lo schermo del dispositivo è stato acceso. Se lo schermo è stato acceso e ha consumato energia quando noi non stavamo utilizzando lo smartphone, significa che qualcuno lo ha usato a nostra insaputa. Il passo in più è rappresentato dal controllo delle app che hanno consumato più energia.

Smartphone usato a nostra insaputa: le app per Android

Arrivati a questo punto, è arrivato il momento di capire come fare a incastrare chi ha usato il mio smartphone. Per farlo possiamo scaricare e installare app pensate per questo scopo.

La prima che segnaliamo è Lockwatch - Il Cattura Ladri. Si tratta di un software che scatta una foto usando la fotocamera frontale quando qualcuno tenta di sbloccare il dispositivo con un codice errato. La foto dell'intruso viene in seguito inviata via mail insieme alla localizzazione GPS senza che il responsabile dell'azine ne venga a conoscenza.

Un'altra soluzione è Third Eye - Intruder Detection. Anche in questo caso, l'applicazione scatta una foto mentre qualcuno tenta di accedere al cellulare con il Pin, la sequenza o la password errati.

Ecco quindi CrookCatcher - Anti Theft: l'app rileva se qualcuno cerca di sbloccare lo smartphone con la password sbagliata e poi scatta una foto dell'intruso, che viene poi inviata via posta elettronica con la localizzazione dello smartphone.

Smartphone usato a nostra insaputa: le app per iOS

Per iOS ovvero per iPhone e iPad, segnaliamo invece Prey Find my Phone Tracker GPS. Propone varie funzionalità utili per la protezione e monitoraggio del dispositivo, tra cui la possibilità di creare una zona di sicurezza e attivare alcune azioni nel caso in cui il dispositivo esca o entri dalla zona di sicurezza impostata, come scattare una foto con la fotocamera anteriore e posteriore per immortalare il presunto malintenzionato.

Queste app sono state molto utili per catturare ladri di smartphone. Alcune versioni a pagamento permettono di catturare più istantanee in serie e registrare un breve audio dopo il tentativo di sblocco fallito. Inoltre scattano foto anche dopo il riavvio del telefono e la sostituzione della SIM.

Sono tutti software leggeri e dall'impatto contenuto sulla batteria e sulle prestazioni dello smartphone. Tutte queste soluzioni, per funzionare a dovere, al primo avvio hanno bisogno che si forniscano dei permessi, la procedura è guidata.

Mostra i commenti