Come disinstallare driver da Windows 10

Cosimo Alfredo Pina -

Purtroppo può accadere che un dispositivo, un componente hardware o una periferica possa dare qualche problema con il nostro PC Windows. In tal caso eliminare driver può rendersi necessario per ripristinare il funzionamento del computer o della periferica a questi associata.

I driver sono infatti dei particolari software “invisibili” (non potete lanciarali come una normale app) che mettono in comunicazione il PC, o meglio Windows, con i vari componenti hardware: da tastiera e mouse fino alla stampante o scanner, passando per smartphone o qualsiasi altra cosa che possa essere connessa al vostro computer.

LEGGI ANCHE: Come velocizzare Windows 10 | Come avviare Windows 10 in modalità provvisoria | Come installare Windows 10 da zero | Come liberare spazio su Windows 10 | Come togliere la password a Windows 10 | Trucchi Windows 10 2017

La procedura di installazione è immediata e solitamente gestita in automatico da Windows, ma la stessa cosa non si può dire della disinstallazione. Andiamo quindi a vedere i passaggi da fare prima di rimuovere driver e quelli da seguire per l’eliminazione vera e propria.

Prima di eliminare driver: creare punto di ripristino

Vista la natura così legata al sistema di questi componenti, l’eliminazione dei driver è un’operazione delicata e da effettuare con criterio, solo in caso si stiano riscontrando problemi. Per questo prima di procedere è meglio mettersi al sicuro creando un cosiddetto punto di ripristino.

Con questa specie di backup potete avrete un punto di salvataggio a cui potrete tornare in caso qualcosa vada storto con la disinstallazione dei driver. Andiamo quindi a vedere come creare un punto di ripristino:

  1. Aprite il menu Start e nella casella di ricerca digitate “crea punto di ripristino”
  2. Cliccate sulla prima voce per aprire la pagina di gestioen dei punti di ripristino
  3. Qui individuate il pulsante “Crea” e premeteci
  4. Date un nome al vostro punto di ripristino (es. “pre-eliminazione driver”) e premete nuovamente su “Crea”

In una manciata di secondi Windows creerà un punto di ripristino, che all’occorrenza potrete poi usare per tornare virtualmente al momento prima della rimozione dei driver.

Disinstallare driver delle periferiche (audio, video, stampante..)

Una volta che vi siete assicurati di aver creato un punto di ripristino potete passare all’azione. Il modo migliore e più efficace di rimuovere i driver è quello di utilizzare la funzione “Gestione Dispositivi” integrata in Windows.

Il primo passo da fare è quindi aprire il menu Start e digitare “gestione dispositivi”; aprite la prima voce dei risultati e sarete così portati nell’interfaccia di gestione delle periferiche. Qui trovate elencate tutti i componenti hardware interni ed esterni del vostro PC.

Fortunatamente questi sono categorizzati e raccolti in un menu ad albero che rende piuttosto facile trovare il dispositivo di cui vogliamo rimuovere i driver, sia questo una scheda video, una stampante, una scheda audio o altro.

LEGGI ANCHE: Migliori notebook, lista aggiornata per mese

Il consiglio che vi diamo è quello di evitare, salvo particolari problematiche, di rimuovere i driver di componenti delicati come controller, chipset o periferiche di cui non comprendete a fondo la natura. Consci di questo e una volta che avrete individuato la periferica di cui volete eliminare i driver proseguite cliccandoci con il tasto destro.

Nel menu a tendina che si apre troverete la voce “Disinstalla dispositivo”; cliccateci e nella finestra che si apre mettete la spunta su “Elimina il software driver per il dispositivo” ed infine (attenzione da qui non si torna più indietro) cliccate su OK.

Se cliccando con il tasto destro la voce “Disinstalla dispositivo” non dovesse esserci, premete due volte sulla periferica e nella finestra che si apre passate alla scheda “Driver”. Qui troverete il pulsante “Disinstalla dispositivo” che potrete premere per rimuovere i driver (ricordate la spunta in “Elimina il software driver per il dispositivo”).

Siete quasi pronti per completare la procedura, ma prima di riavviare il PC leggetevi anche il paragrafo successivo, potrebbe essere necessario un altro passaggio per completare la rimozione dei driver.

Rimuovere driver e relativo software

Seguendo la procedura del precedente paragrafo avrete così rimosso i driver per un certo dispositivo, ma per completare la disinstallazione potrebbe essere necessario effettuare un ulteriore passaggio. Non è infatti da escludere che insieme di fianco al driver il dispositivo fosse corredato di ulteriore software.

Verificare la presenza di eventuale software e rimuoverlo è comunque molto facile. Premete sul tasto Start e nella casella di ricerca digitate “App e funzionalità”. Aprite la prima voce dei risultati e nella finestra che si apre scorrete verso il basso fino alla lista dei programmi installati.

Qui dovrete individuare il software relativo al dispositivo. Difficile dare una regola generale sul come individuarlo, ma un buon punto di partenza è cercare il nome della marca che lo produce ed eventualmente il nome della periferica stessa.

Una volta individuata la voce premeteci e poi cliccate il tasto “Disinstalla”. Adesso non vi resta che attendere che procedura automatica termini per poi completare il tutto riavviando il PC. A questo punto sta a voi decidere se abbandonare la periferica o reinstallare i driver più recenti.

GUIDE DA NON PERDERE