Prompt comandi di Windows: come personalizzarlo e cambiarlo

Prompt comandi di Windows: come personalizzarlo e cambiarlo
SmartWorld team
SmartWorld team

Nei sistemi operativi Windows, il prompt dei comandi è un programma che emula il campo di input in una schermata dell'interfaccia utente basata su testo con l'interfaccia grafica del software di Microsoft. Può essere utilizzato per eseguire i comandi ed effettuare funzioni di amministrazione avanzate. Inoltre, viene utilizzato per risolvere alcuni problemi relativi a Windows.

Nonostante l'impatto tecnico di questo strumento, gli utenti conservano uno spazio di personalizzazione. A tal punto che anche la finestra del prompt dei comandi può essere resa più colorata e piacevole. Ecco allora cosa fare.

A cosa serve il prompt comandi di Windows

La maggior parte degli utenti Windows non aprirà mai il prompt dei comandi. Ci sono però casi in cui è indispensabile, se non l'unica via d'uscita per risolvere alcuni problemi con il PC. Un esempio? Se l'hard disk su cui è installato Windows diventa parzialmente illeggibile, è meglio verificare l'integrità del disco e provare a ripararlo senza avviare il sistema operativo.

Per operazioni di manutenzione meno gravose è comunque possibile visualizzare il prompt dei comandi in una finestra da far comparire accanto alle altre sul desktop di Windows. Agli utenti esperti piacciono questi comandi perché a volte hanno più opzioni rispetto alla funzione equivalente nella GUI, soprattutto perché svolgono il loro lavoro senza installare software di terze parti sul computer.

Come utilizzare gli strumenti di editing del prompt comandi di Windows

La prima cosa che si nota dopo l'accesso alla finestra delle Proprietà del prompt dei comandi di Windows è la possibilità di selezionare più schede dedicate a differenti opzioni. Quella principale agisce sugli strumenti di editing e consente di modificare il modo di digitare i comandi e di copiarli e incollarli. L'utente può così cambiare la dimensione del cursore di digitazione, ad esempio ingrandendolo così da renderlo più visibile. Ma può anche modificare il buffer della cronologia dei comandi.

Nei riquadri Opzioni di modifica e Selezione di testo può invece impostare la modalità di intervento sul testo della finestra. La voce Modalità rapida, ad esempio, consente di selezionare il testo con un click e di trascinare il puntatore per selezionare un'area di testo specifica da copiare e incollare nella stessa finestra o in un'altra applicazione. Modalità inserimento evita la sovrascrittura dei caratteri nel caso in cui l'utente si posiziona con il cursore nel mezzo di un testo e inizia a digitare. I caratteri a destra si spostano in automatico creando lo spazio per la nuova porzione di testo.

Prompt comandi di Windows, come creare sessioni personalizzate

Nel menu da cui si accede alle Proprietà del prompt dei comandi di Windows è presente anche la voce Predefinite. I due menu aprono due finestre che solo in apparenza sono identiche. Nel primo caso le modifiche si applicano alla sessione in corso e a quelle future eseguite cliccando lo stesso collegamento al programma Prompt dei comandi. Nel secondo è possibile intervenire sulle sessioni future, tranne quelle eseguite tramite un collegamento con una propria personalizzazione.

Diventa allora possibile creare diversi collegamenti all'app del prompt dei comandi con lo scopo di memorizzare diverse personalizzazioni. Tra i punti in comune c'è l'impossibilità di ripristinare le impostazioni originali della finestra del prompt dei comandi di Windows. Il solo modo per farlo è intervenire in modo manuale nel registro di sistema.

C’è anche la possibilità di aggiungere colore al prompt dei comandi

Andando alla ricerca dei modi per personalizzare e cambiare il prompt dei comandi di Windows, segnaliamo la possibilità di aggiungere un po' di colore a un contesto che ne è privo. Occorre raggiungere la scheda Colori nella finestra Proprietà del prompt dei comandi. Si tratta dello strumento con cui intervenire sulla colorazione del prompt dei comandi ovvero modificare il colore dello sfondo e dei caratteri, sia delle finestre standard sia delle finestre pop-up, così come quello della cronologia dei comandi.

L'utente può scegliere il colore da un elenco predefinito cliccando il quadratino di quello scelto, oppure impostando una sfumatura di colore personalizzata inserendo manualmente i valori dei canali RGB ovvero rosso, giallo e blu. E ancora: la regolazione del cursore Opacità permette di rendere più o meno trasparente lo sfondo della finestra. Nella parte inferiore della scheda compare in anteprima l'aspetto della finestra principale e quello dei messaggi pop-up. Dopo aver effettuato le scelte è sufficiente confermarle cliccando sul tasto OK.

Commenta