Windows 11: le personalizzazioni più interessanti per migliorare l’esperienza d’uso

Windows 11: le personalizzazioni più interessanti per migliorare l’esperienza d’uso
SmartWorld team
SmartWorld team

Quella che propone Windows 11 è una nuova esperienza d'uso, ma come accade con tutti le versioni del sistema operativo made in Microsoft, viene lasciato ampio spazio alla personalizzazione. Alcune di quelle proposte nella nuova interazione sono tali da poter spiazzare gli utenti più abituali. Pensiamo ad esempio all'inserimento dei widget al posto delle piastrelle dinamiche.

A ben vedere Windows 11 si basa sul suo predecessore e la maggior parte delle novità può essere annullata operando sul registro di sistema. Una procedura tutt'altro che semplice e scontata se non si è sufficientemente smaliziati. Andiamo allora a caccia delle personalizzazioni più interessanti per migliorare l'esperienza d'uso con il nuovo sistema operativo della multinazionale di Redmond.

Personalizzare e migliorare il livello di sicurezza in Windows 11

Quando si parla di sicurezza con Windows, compresa l'ultima release 11, il livello di attenzione non è mai sufficientemente alto. Ecco quindi che ci sono sempre opzioni aggiuntivi da poter sfruttare. Ad esempio l'attivazione delle notifiche nelle Impostazioni di sicurezza. Per farlo non occorre altro che selezionare Apply da Suggested Security Settings.

In parallelo, Windows 11 consente di modificare le impostazioni relative alla privacy. Anche in questo caso c'è una sola azione da compiere ed è la selezione di Apply in Optional Privacy Settings. Un'ultima particolarità in termini di sicurezza: dalla sezione Windows Settings è possibile scegliere il tema scuro - Dark - o quello chiaro - Light - per le barre, le cartelle e le applicazioni. Così come scegliere di abilitare o disabilitare i nuovi effetti di trasparenza dalla sezione System Trasparency. Basta selezionare rispettivamente Disable o Enable.

Quale browser usare con Windows 11? Microsoft Edge e gli altri

Non è affatto obbligatorio utilizzare Microsoft Edge come browser per navigare sul web nell'ambito del sistema operativo Windows 11. Anche se Microsoft ha compiuto numerosi passi in avanti, molti utenti potrebbero scegliere altre opzioni, per preferenza o semplicemente per abitudine.

Ecco quindi che è possibile fare riferimento sia a Firefox di Mozilla oppure al più classico Chrome di Google con tutti i servizi aggiuntivi offerti. Per farlo bisogna selezionarli dalla sezione Install Internet Browser. Per renderli predefiniti occorre invece selezionare dal menu opzioni di ciascuno la voce corrispondente.

Come cambia Esplora file con Windows 11

Tra le novità che non passano inosservate nel nuovo sistema operativo c'è la rivisitazione di Esplora file. Windows 11 propone una nuova procedura da seguire per mostrare file e cartelle nascosti.

Permette anche di abilitare la visualizzazione come opzione standard selezionando Visible in Hidden Folders. Così come di rendere visibili le estensioni dei file selezionando Add in Known File Type Extensions e scegliendo se visualizzare o meno la freccia dei collegamenti da Shortcut Icons.

A caccia della Barra delle applicazioni modificata

Dal punto di vista visivo, spicca l'assenza in Windows 11 della Barra delle applicazioni, con il logo di Windows e le icone delle app spostati al centro della barra. Per ripristinare la tradizionale e rassicurante posizione a sinistra occorre selezionare Left nella sezione Location. A quel punto è possibile ridurre o allargare la barra dalla sezione Size. Microsoft ha rimosso le piastrelle animate dal menu Start, ma - come abbiamo anticipato - ha inserito il pannello Widget che propone le ultime notizie, oltre a informazioni su calendario, traffico e clima.

L'utente conserva comunque la facoltà della disabilitazione dalla sezione Widget Buttons. Come impostazione standard appare nella barra l'icona della chat di Teams, comunque disattivabile da Chat Button.

Come personalizzare il menu tasto destro

Un altro cambiamento in Windows 11 che non passa inosservato è il menu contestuale che appare facendo clic con il tasto destro del mouse su un file, una cartella, un'area vuota della finestra o sul desktop. La rotta tracciata con il nuovo sistema operativo di Microsoft è stata quella della semplificazione. Tuttavia continua a essere sempre ammesso il ripristino.

Il punto di riferimento per eseguire questa azione è la sezione Context Menu Style. Dopo avere apposto il segno di spunta su Windows 10 occorre semplicemente riavviare il dispositivo, sia esso un PC o un notebook. Dalla medesima sezione è possibile aggiungere al menu contestuale un collegamento al Pannello di Controllo selezionando Add in Control Panel Shortcut. Per inserire anche la possibilità di cambiare i permessi, bisogna infine selezionare Add in Take Ownership.

Mostra i commenti