Quando 2 mm costano 700$: Apple potrebbe aver risolto in silenzio uno dei problemi dei MacBook Pro (foto e video)

Roberto Artigiani

I MacBook Pro del 2016 – quelli caratterizzati dall’introduzione della ‘touchbar’ – purtroppo col passare del tempo hanno evidenziato un problema che riguarda il connettore del display. Per la precisione il cavo usato è troppo corto e viene teso ogni volta che lo schermo viene aperto e chiuso, questo fa sì che si deteriori fino a rompersi del tutto.

Prima di arrivare alla rottura però emergono i sintomi di quello che è stato chiamato “Flexgate” ossia una serie di luci a mo’ di palcoscenico nella parte bassa dello schermo. Il nodo della questione è che il connettore è saldato al display e un’eventuale rottura comporta la necessaria sostituzione di tutto lo schermo spendendo circa 700$.

LEGGI ANCHE: Boom del mercato wearable a fine 2018

Fino a oggi Apple non ha mai riconosciuto l’esistenza del problema, ma i nuovi MacBook Pro del 2018 sembrano avere un connettore leggermente più lungo – 2 millimetri per la precisione. Il cavo è ancora saldato al display con tutto quello che ne consegue, ma la maggiore lunghezza per quanto esigua potrebbe essere sufficiente a non far emergere il problema.

Guardando il bicchiere mezzo vuoto però bisogna considerare che questo tipo di anomalie tende a venire a galla col passare del tempo e l’ultimo modello è in circolazione da troppo poco tempo per poter affermare che la questione è stata finalmente risolta.

Via: The VergeFonte: iFixit