Uno sguardo ai PC di domani secondo Lenovo: pieghevoli, con display e-ink e sempre connessi (foto e video)

Nicola Ligas - Abbiamo toccato con mano Lenovo X1 Fold, ThinkBook Plus, Yoga 5G ed altre novità presentate al CES 2020.

Al CES 2020 Lenovo ha portato tantissimi prodotti, molto eterogenei. Dalle novità per la smart home al refresh di modelli storici come gli X1 Carbon e Yoga, fino ai dispositivi più avveniristici, ovvero X1 Fold, ThinkBok Plus e Yoga 5G.

È soprattutto su quest’ultima trinità che ci siamo concentrati in occasione di un evento a Bologna nel quale Lenovo ha portato la sua line-up del CES, che arriverà anche sul nostro mercato nel corso del 2020, in momenti diversi a seconda del prodotto. Del resto, quando sei il produttore di PC numero uno al mondo (fonte: IDC) devi anche dettare il passo e vedere in che direzioni si sta dirigendo Lenovo è probabilmente il migliore indizio per capire dove andrà a parare il mercato in generale. Vi lasciamo quindi subito il video che abbiamo realizzato durante l’evento, seguito poi da alcune considerazioni su ciascuno dei prodotti in questione e dalle relative foto.

X1 Fold

Iniziando da X1 Fold, che è assieme il più affascinante ed il più opinabile, troviamo comunque diversi spunti interessanti. A partire da una domanda banale: cos’è? Ce lo siamo chiesto anche con i colleghi presenti all’evento: è un tablet, è un PC, qual è il confine ormai? Si perché nel suo caso la piega è funzionale ad un solo scopo: ridurne le dimensioni. Far sì che entri nella borsetta da donna da cui è stato tirato fuori, allargandosi fino ai suoi relativamente generosi 13,3”.

Il pannello è un 4:3 full HD realizzato da LG, che è risultato molto godibile e leggibile, sia all’interno che all’esterno. La piega al centro è stata studiata bene e risulta quasi invisibile a schermo aperto, anche se inclinandolo molto e con la luce diretta risulta comunque visibile. Chiudendo il display rimane comunque un certo gap all’interno della curva, proprio per evitare che con le continue aperture e chiusure rimanga il segno, ed è qui che si inserisce la tastiera Bluetooth mini fold, che va a colmare questo gap, donando anche ulteriore protezione allo schermo da chiuso.

Quest’ultima può agganciarsi magneticamente ad una delle due metà del Fold, oppure la potete usare anche separatamente, dato che è Bluetooth. Sul retro del tablet troviamo infatti uno stand, che vi consente di appoggiarlo facilmente su un piano (ma quest’ultimo deve essere rigido perché la base d’appoggio è ridotta; vedi foto qui sotto).

Nel complesso le dimensioni non sono comunque troppo contenute: ci vogliono delle cornici abbastanza importanti per consentire lo scorrimento dello schermo, ed una volta chiuso l’X1 Fold non può certo dirsi sottile. Al contempo però il suo design ha una certa personalità, con la cover in pelle che fa molto Moleskine, ed è proprio questo aspetto ad averci convinto di più.

Stare infatti troppo a “dissezionare” un dispositivo del genere non ha molto senso. Siamo ancora ad un livello più prototipale che commerciale, ma l’idea in sé non ci è sembrata affatto sbagliata. Non si tratta di sostituire un notebook tradizionale, ma di affiancarlo, in modo diverso rispetto a quanto fatto finora da altri prodotti. Più che X1 l’avremmo chiamato “Book”, perché è proprio questa l’idea che richiama, e se daremo il tempo alla tecnologia di maturare e snellire certi angoli, siamo sicuri che in futuro ne vedremo diversi in giro.

Foto ThinkBook Plus

ThinkBook Plus, per quanto originale, è invece un dispositivo molto più concreto di X1 Fold. Un notebook con back cover e-ink da 10.8”. Del resto molti produttori stanno ripensando a come usare il “coperchio” dei portatili, e la soluzione di Lenovo è senz’altro una delle più utili. Note, ebook (sia Kindle che file generici), widget con email, calendario, meteo, e altre informazioni. Non avrete più bisogno di aprire lo schermo per ogni minima esigenza, e risparmierete un sacco di batteria, che poi è lo scopo principale di questa soluzione.

Lo stylus magnetico vi consente di disegnare, prendere note e appunti, anche sui file di testo, rivelandosi ancora una volta un’ottima arma in mano a studenti e non solo. E poi potete anche personalizzare lo sfondo dello schermo e-ink in modo che risulti esteticamente appagante quando non usato, rivelandosi quindi anche “un’arma estetica”.

E sia chiaro che parliamo di un notebook fatto e finito, con processori Intel i7 di 10ma generazione e fino a 16 GB di DDR4 e 512 GB di SSD M.2 PCIe. La batteria non è delle più generose (45 Wh), ma il senso dello schermo e-ink è proprio quello di farvela risparmiare, tanto che l’unico scotto da pagare al momento sono delle dimensioni non proprio ottimizzate, in particolare dello schermo, che presenta delle cornici vistose sul display principale ed uno spessore non irrisorio dovuto comunque alla presenza dei due schermi. In ogni caso unire funzionalità diverse in uno stesso dispositivo è una cosa che di solito paga, ed anche in questo caso le cose non potranno che migliorare.

Foto Yoga 5G

Yoga 5G è il primo PC 5G al mondo. Si tratta di un Windows on Snapdragon, più precisamente basato sulla piattaforma 8cx. Sempre pronti e connessi: così saranno i PC di domani, e questo Yoga 5G da una parte ha il DNA tipico di questa serie (tastiera, rotazione a 360°, schermo full HD da 400 nit e speaker Dolby Atmos, tanto per citarne alcune) e dall’altra raccoglie la sfida di portare Windows su architettura ARM, una sfida nella quale la stessa Microsoft non sembra essere riuscita a pieno.

Lenovo comunque è già pronta: il PC c’è, la “connettività di domani” anche, e se il software saprà fare il suo lavoro finalmente avremo uno smartphone/notebook che da anni in molti auspicano ma nessuno ha ancora davvero realizzato.

Foto X1 Carbon 8gen

Non potevo non dare un’occhiata a lui, X1 Carbon, il portatile Lenovo che da sempre anelo più di tutti, giunto alla sua 8a edizione, aggiornata con processori Comet Lake, e con un bellissimo schermo full HD touch non lucido. Massima leggibilità, luminoso, e sensibile al tocco. Ancora una volta X1 Carbon sarà insomma uno dei portatili professionali più ambiti, in arrivo anche sul nostro mercato, anche se ancora non abbiamo prezzo e disponibilità precisi.