Il ray tracing arriva sulle vecchie GTX, per farvi venir voglia di comprare una RTX

Cosimo Alfredo Pina

Se avete una vecchia GTX l’ultimo aggiornamento dei driver NVIDIA porta novità importanti sul vostro PC. Ma siamo sicuri che siano gradite? Il supporto al ray tracing in tempo reale arriva sulle configurazioni che hanno una GTX 1060 6 GB o superiore, ma sono proprio i benchmark ufficiali a lasciare un po’ perplessi.

Ad esempio una GTX 1070, due anni fa una scheda di fascia relativamente alta, con ray tracing attivo non è in grado di superare i 40 fps su Battlefield V, con dettagli medi e a risoluzione 1440p. Andando a vedere i numeri relativi agli altri titoli, le cose non migliorano per chi non ha una scheda RTX, neanche su modelli ex-top come una GTX 1080 Ti (sul sito di NVIDIA tutti i dati ufficiali).

E allora perché portare questa tecnologia su prodotti che palesemente non la supportano? Probabilmente il punto di NVIDIA è proprio quello di dimostrare come per avere questo tipo di tecnologia sia necessario hardware dedicato. Salvo particolari ottimizzazioni future, giocare a titoli con ray tracing su GTX a frame rate decente resta per una chimera.