Alla scoperta di Global Privacy Control: il nuovo strumento universale per difenderci dall’essere tracciati

Vincenzo Ronca

Nel mondo attuale i nostri dati personali costituiscono una risorsa fondamentale per i grandi attori del mercato tecnologico e soprattutto del marketing. Pertanto diventa sempre più importante che gli utenti siano consapevoli del valore della propria privacy e di cosa condividono in quanto utenti di internet.

In questo ambito è stato lanciato il Global Privacy Control, uno strumento universale concepito per essere un unico ed effettivo messaggio per le aziende che tentano di tracciare le preferenze degli utenti online. Di tale standard Global Privacy Control nell’ambito del recente aggiornamento di DuckDuckGo, il motore di ricerca che ha a cuore la privacy dei suoi utenti, il quale è un attore centrale del progetto.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy S21 Ultra, la recensione

Come spiegato in questo articolo, il nuovo Global Privacy Control permetterà agli utenti di segnalare a qualsiasi sito web visitano la loro volontà nel non essere tracciati. L’obiettivo è dunque evitare che la cronologia di navigazione e altri dati derivanti dal tracking online vengano venduti a entità di terze parti. Nella pratica, gli utenti non dovranno far altro che selezionare un’unica opzione per rimuovere il tracking online da tutti i siti che visiteranno.

L’iniziativa arriva in linea con l’approvazione del California Consumer Privacy Act, secondo il quale i cittadini californiani potranno rinunciare in modo rapido e conciso all’essere tracciati online e interrompere la condivisone dei propri dati personali. Il nuovo standard deve ancora essere inquadrato bene a livello normativo, soprattutto ai sensi del GDPR per i cittadini europei. L’obiettivo è quello di realizzare uno strumento più efficace e più universale di Do Not Track, un progetto fallito di diversi anni fa.

Al momento la novità sarà pienamente operativa su DuckDuckGo, così come sulle sue estensioni per Chrome, Firefox ed Edge. Staremo a vedere come evolverà il progetto.

Via: The VergeFonte: Global Privacy Control