Le migliori alternative gratis a LastPass

Le migliori alternative gratis a LastPass
Giuseppe Tripodi
Giuseppe Tripodi

LastPass non sarà più completamente gratis: la società lo ha annunciato ieri, comunicando che gli utenti che non vogliono sottoscrivere un abbonamento dovranno scegliere una sola tipologia di dispositivo su cui utilizzare il servizio, solo su smartphone o solo su PC.  A partire dal 16 marzo, infatti, per avere LastPass dappertutto, sarà necessario iscriversi a LastPass Premium, al prezzo di 2,90€ al mese.

Ormai i gestori di password sono un po' ovunque: sono integrati nella maggior parte dei browser (Firefox, Chrome, Edge...) e nei sistemi operativi, ma se preferite avere un password manager indipendente, ci sono ancora ottime alternative gratis.

Eccone alcune.

BitWarden è uno dei più famosi e utilizzati password manager, nonché forse la miglior alternativa gratis a LastPass. È open source, multipiattaforma (ci sono app per qualsiasi piattaforma ed estensioni per qualsiasi browser), permette di salvare un qualsiasi numero di password, ha l'autofill e include un generatore di password. Inoltre, anche nella versione gratuita, include anche un'opzione di self-host: se non volete che le vostre password siano sul cloud di BitWarden, potete usare anche un vostro server personale (o un NAS) come punto di riferimento.

Sul sito di BitWarden trovate una guida con cui migrare facilmente le password da LastPass.

Esistono versioni a pagamento (a partire da 1$/mese) che includono un tool per l'autenticazione a due fattori, 1GB di dati criptati e la possibilità di sincronizzare le proprie password con un'organizzazione (per ragioni lavorative, ma anche per famiglie).

KeePass è il password manager per chi preferisce la sicurezza alla comodità: a differenza di tutti gli altri gestori di password, infatti, KeePass non sincronizza nulla in cloud e mantiene tutte le password conservate in locale, in un database protetto da criptazione.

È gratis e open source: la versione "ufficiale" è disponibile solo per Windows ma gira anche con Mono (su Linux, macOS e qualsiasi sistema Unix); inoltre, esistono un gran numero di client per Android e iOS che supportano il database di KeePass.

Non ci sono versioni a pagamento: se non vi dispiace trasferire manualmente il database da un dispositivo all'altro, dovreste dargli un'occhiata.

Nota: esiste anche un fork molto popolare (e più curato da un punto di vista estetico) chiamato KeePassXC, disponibile per Windows, macOS e Linux.

Vault è il gestore di password che fa parte della famiglia di software di Zoho (e si integra con le altre app dell'ecosistema, Mail, Desk, Project, Flow). Ma, al di là dell'integrazione, è anche un password manager con tutte le funzioni che ci si aspetterebbe (e anche qualche chicca).

La versione gratis permette di conservare un qualsiasi numero di password e allegare file e documenti; include l'autofill, uno strumento per l'autenticazione a due fattori e la possibilità di generare password ed è disponibile come estensione browser e app Android e iOS.

Esistono versioni a pagamento (a partire da 0,9€ al mese) che includono la possibilità di condividere password, l'integrazione con GSuite e Office 365 e molto altro.

MasterPassword non è un vero password manager, ma merita una menzione per la peculiarità del servizio. A differenza di tutti i software nominati finora, infatti, MasterPassword non conserva le vostre password da nessuna parte, ma le genera tramite algoritmo ogni volta che vi servono.

Questo vuol dire che non potete scegliere voi la password da impostare sui vari servizi, ma vuol dire anche che le vostre password non sono salvate fisicamente da nessuna parte (né in cloud, né in un database locale). E, ovviamente, sono delle stringhe alfanumeriche che nessuno potrà mai indovinare.

Per generare le password, l'algoritmo prende in input diversi fattori: master password, sito internet/servizio e nome dell'utente (univoco, non legato al singolo servizio). A questi, si aggiunge un numero incrementale (per i servizi che richiedono un cambio password periodico).

Dando in pasto questi fattori all'algoritmo, viene generata la password: come già accennato, questo vuol dire che MasterPassword non necessita di salvare le password in un database e che funziona anche offline.

MasterPassword è gratis e open source, funziona su web, macOS, iOS, Android e qualsiasi PC (tramite pacchetto Java).

Commenta