Appaiono in Rete i primi benchmark del nuovo Mac Mini con chip A12Z e sono piuttosto deludenti, ma… (foto)

Roberto Artigiani

In teoria le condizioni d’uso dei nuovi Developer Transition Kit prodotti da Apple e consegnati agli sviluppatori, gli impedirebbero di effettuare benchmark sul dispositivo eppure diversi risultati sono apparsi nelle ultime ore. I Mac Mini modificati con il processore A12Z – lo stesso dell’ultima versione di iPad Pro – hanno quindi iniziato a popolare le classifiche di Geekbench con risultati discutibili che però vanno contestualizzati per poter essere compresi.

Dai vari test eseguiti possiamo vedere come il punteggio in modalità Single Core sia in media 811, mentre in modalità Multi Core raggiunge 2.781. Sono valori piuttosto bassi se confrontati con i 1.118 e 4.625 fatti registrare dagli iPad Pro del 2020.

LEGGI ANCHE: 7 mesi con Google Stadia, cosa va, cosa no

I motivi per queste performance deludenti sono diversi: prima di tutto Geekbench gira attraverso Rosetta 2 cosa che comporta un certo impatto e soprattutto il fatto che solamente i 4 core di performance vengono utilizzati mentre gli altri 4 “di efficienza” rimangono inattivi. Infine c’è bisogna considerare che i chip A12Z su Mac Mini sono stati leggermente underclockati a 2,4 GHz (contro i 2,5 GHz della controparte su iPad Pro).

Via: MacRumors