Apple dice che il notch è un "modo intelligente" per dare agli utenti più spazio

La definizione dei "intelligenza" è opinabile
Apple dice che il notch  è un "modo intelligente" per dare agli utenti più spazio
Nicola Ligas
Nicola Ligas

L'introduzione del notch sui MacBook Pro 14 e 16 è stato probabilmente il singolo particolare più controverso dei nuovi notebook di Apple. Mentre su iPhone la sua presenza era infatti giustificata anche dal face ID, lo stesso non vale per i MacBook, inoltre mettere una tacca su uno schermo così grande la rende ancora più vistosa. Ma c'è comunque una buona ragione, almeno secondo l'azienda di Cupertino.

Durante un'intervista con la youtuber iJustine (trovate il video a fine articolo), Shruti Haldea, uno dei manager Apple intervenuti anche durante il lancio dei nuovi MacBook, ha dichiarato quando segue:

What we've done is we've actually made the display taller. Like on the 16-inch notebook, you still have a 16.0 active area on the diagonal in that 16:10-inch window, and we just grew the display up from there and put the menu bar up there. We just kind of moved it up and out of the way. So it's a really smart way to give you more space for your content, and when you're in full-screen mode, you have that 16:10 window, and it looks great. It's seamless.

In pratica la dirigente Apple sottolinea il fatto che durante l'esecuzione di app full screen lo spazio a disposizione dell'utente sia sempre in 16:10, come sui precedenti MacBook; quando invece non siete a pieno schermo, il notch consente di aumentare lo spazio a disposizione (le proporzioni dell'intero schermo sono più o meno in 14:9), spostando di fatto la barra dei menu al di sopra del normale spazio per i contenuti.

Indubbiamente questo è ciò che accade, e senz'altro le cornici dei nuovi MacBook Pro sono molto più sottili del passato: 24% in meno ai lati e 60% meno nella parte superiore, con uno spessore di soli 3,5 mm. Allo stesso modo però, al di là del (s)oggettivo giudizio estetico sul notch e sul fatto che sia "identificabile" e distinguibile dalla concorrenza, e al di là delle possibili complicazioni a livello software che la sua presenza impone, non possiamo non constatare come esistano alternative con cornici sottili ma senza ricorrere ad alcuna tacca.

E se da una parte è vero che al suo interno non si trova solo la webcam (c'è ad esempio anche il sensore di luminosità per regolare la retroilluminazione del display), dall'altra la sensazione di spazio sprecato rimane, almeno fin quando non ci sarà anche il face ID; ed anche in quel caso, ne sarà valsa davvero la pena?

Via: MacRumors

Commenta