Le GIF non bastano più: Apple vuole portare anche le Live Photos animate sui siti web

Le GIF non bastano più: Apple vuole portare anche le Live Photos animate sui siti web
Leonardo Banchi
Leonardo Banchi

Le Live Photos, foto animate realizzate catturando gli istanti immediatamente precedenti e successivi al momento dello scatto, sono senza dubbio una delle funzionalità più apprezzate degli iPhone. Purtroppo, al momento il loro utilizzo è limitato, poiché oltre a riguardarle sul dispositivo con cui sono state realizzate, esse possono essere condivise soltanto con altri iPhone e iPad compatibili con tale funzionalità (ovvero i modelli successivi al 2015).

Apple sembra però avere intenzione di mostrarle davvero a tutti: la casa di Cupertino ha infatti oggi annunciato la creazione di LivePhotosKit JS, una API per sviluppatori che renderà possibile l'integrazione delle Live Photos nei siti web.

Il tentativo di Apple non è comunque il primo che viene fatto per portare le Live Photos su web e social: a battere sul tempo la casa della mela era stato proprio il rivale Google, che con l'app Motion Stills permetteva di convertire le foto animate in GIF o video. Stavolta siamo però di fronte a una integrazione nativa, che permetterà agli sviluppatori anche di decidere come esse dovranno comportarsi durante la navigazione (se animarsi in modo automatico o tramite un pulsante "Live" visualizzato sopra di esse).

Secondo la documentazione ufficiale, LivePhotosKit JS sarà compatibile con Safari, Chrome, Mozilla Firefox, Microsoft Edge ed Internet Explorer. Attualmente è in beta anche lo sviluppo per Android, dove le performance della funzionalità dipenderanno dal dispositivo utilizzato.

Mostra i commenti