Con Apple M1 il nuovo MacBook Pro ha 17 ore di autonomia: vi bastano?

Con Apple M1 il nuovo MacBook Pro ha 17 ore di autonomia: vi bastano?
Giuseppe Tripodi
Giuseppe Tripodi

Oggi Apple ha annunciato la sua nuova linea Mac, che spicca ovviamente per il nuovo chip Apple M1: nella famiglia di nuovi computer della mela con M1 troviamo anche il nuovo MacBook Pro 13".

Il nuovo laptop non cambia nella forma, mantiene l'iconica accoppiata di Touch Bar e Touch ID, ma sotto la scocca è un computer tutto nuovo, grazie ovviamente al nuovo chip M1. Secondo quanto dichiarato da Apple, la CPU di M1 garantisce performance superiori fino a 2,8 volte rispetto alla generazione precedente, mentre la nuova GPU octa-core garantisce prestazioni grafiche fino a 5 volte superiori.

Le ottimizzazioni si vedono anche in termini di machine learning: secondo Apple, il nuovo MacBook Pro 13" è il notebook compatto più veloce in assoluto nell'elaborazione di task di machine learning in locale.

Ma, prevedibilmente, il risultato migliore del nuovo chip M1 è in termini di autonomia: la batteria MacBook Pro 13" dura fino a 17 ore durante la navigazione web e fino a 20 ore nella riproduzione video. È il Mac con più autonomia in assoluto, anche più di MacBook Air.

Un'altra delle novità garantite dal chip M1 è anche il processore d'immagine (ISP), che migliora le riprese della webcam, riducendo il rumore, migliorando il bilanciamento del bianco, e offrendo un rilevamento del volto più preciso, basato su machine learning.

Purtroppo le porte USB-C sono solo 2 (contro le 4 della generazione precedente), ma in questo caso sono Thunderbolt / USB 4 (contro le precedenti Thunderbolt 3).

Uscita e prezzo

È possibile ordinare il nuovo MacBook Pro a partire da oggi, con disponibilità dal 17 novembre. La variante con M1, 8 GB di RAM e 256 GB di memoria interna parte da 1.479€, mentre la versione con M1, 8GB di RAM e 512 GB di memoria sale a 1.709€, ma come sempre le possibilità di personalizzazione sono numerose.

Commenta