Asahi: la prima distro Linux per Apple Silicon M1

Asahi: la prima distro Linux per Apple Silicon M1
Vito Laminafra
Vito Laminafra

Dopo quasi due anni dalla presentazione al pubblico di M1, il primo SoC per computer (e iPad) di Apple, ecco che finalmente si compiono dei passi avanti per quanto riguarda il supporto di altri sistemi operativi: in particolare, è disponibile la prima versione alpha di una distro Linux pienamente compatibile con M1.

Stiamo parlando di Asahi Linux, la prima distribuzione che offre un supporto nativo ad Apple Silicon. Si tratta di un passo estremamente importante, nonostate ci siano ancora molti problemi nell'utilizzo del sistema operativo. Asahi infatti è, al momento, in una fase di alpha: i bug sono ancora moltissimi e non tutto funziona a dovere, ma in ogni caso i creatori della distribuzione hanno messo le basi per lo sviluppo di un sistema operativo alternativo a macOS.

Gli sviluppatori hanno dichiarato che è già possibile installare la distro sui propri Mac e che questo non andrà a compromettere le funzioni di sicurezza di macOS (FileVault, l'esecuzione di app iOS e la visione di Netflix in 4K funzioneranno senza problemi). Come anticipato però, i bug sono ancora molti e questa è una lista di "cose che con funzionano":

  • DisplayPort
  • Thunderbolt
  • HDMI
  • Bluetooth
  • Accelerazione della GPU
  • Accelerazione dei codec video
  • Neural Engine
  • Deep idle per la CPU
  • Sleep mode
  • Webcam
  • Touch Bar

Per utilizzare Ashai Linux, è necessaria un Mac con chip M1, M1 Pro o M1 Max (escluso Mac Studio) con macOS 12.3 o successivo e almeno 53 GB di spazio libero per l'installazione. Per maggiori informazioni, vi lasciamo al sito web della distro.

Mostra i commenti