Avete perso i dati per via dell’ultimo aggiornamento Windows? Microsoft ha una soluzione temporanea (e bizzarra)

Giovanni Bortolan

Se siete tra gli sfortunati a cui è capitato di sicuro saprete già di cosa si sta parlando. Per tutti gli altri, la questione è questa: Microsoft ha recentemente rilasciato un nuovo aggiornamento per il suo sistema operativo (versione KB4532693) colpevole di avere, in alcuni dispositivi, eliminato tutti i file presenti nel desktop, oltre a reimpostare tutte le impostazioni predefinite del Menu Start e delle impostazioni.

Microsoft si è accorta di ciò e, nonostante il bug abbia colpito una piccolissima fetta di utenti, ha disposto una procedura per tentare il ripristino dei dati perduti. Il verbo tentare è stato scelto non per caso, in quanto non è detto che la bislacca procedura suggerita funzioni (Microsoft ha poi dichiarato che gli ingegneri e gli addetti al supporto tecnico sono al lavoro per trovare una soluzione migliore).

LEGGI ANCHE: Nemmeno Galaxy M31 sfugge ai leak

I PC colpiti dal fastidioso bug infatti potrebbero aver creato un’account di Windows in cui sono “conservati” tutti i file perduti. Per provare a recuperarli bisognerà creare un’altro account locale e trasferire i dati tra i due nuovi profili utente. Sebbene questa procedura possa funzionare, siamo ben lontani da una soluzione definitiva, ammesso che ce ne sia una. Moltissimi report infatti definiscono i dati coinvolti come persi in maniera irrecuperabile.

Fonte: Windows Central
  • Marko4646

    Microsoft continua a stupire per la qualità degli aggiornamenti. E soprattutto per le funzioni aggiuntive, questo in l’auricolare pulisce il sistema dai file inutili, e lo fa molto bene.

  • Yokai Maomoling

    Una multinazionale che fattura 100miliardi di dollari l’anno gestita da incapaci che se ne fregano altamente dei danni che procurano ai propri clienti…io dall’ultimo aggiornamento di maggio ho windows update non più funzionante per l’ennesimo danno causato da microsoft a causa della negligenza ormai evidente nel testare adeguatamente gli aggiornamenti che rilasciano (peraltro che ci obbligano ad installare).