Chrome 66 in rollout su desktop e mobile: novità per la riproduzione di contenuti multimediali e maggiore sicurezza

Nicola Ligas

Chrome 66 è in rollout su tutte le piattaforme supportate, con varie novità, alcune specifiche altre meno. Iniziamo dalla gestione dei contenuti multimediali. Adesso un qualsiasi contenuto multimediale può partire in automatico se e solo se:

  • Non c’è audio (o l’audio è silenziato)
  • L’utente ha precedentemente cliccato sul sito durante la medesima sessione di navigazione
  • Su mobile, se il sito è stato aggiunto alla Home Screen dall’utente
  • Su desktop, se l’utente ha riprodotto frequentemente dei media sul medesimo sito, in accordo con il Media Engagement Index

Altre novità per Windows sono un avviso che comparirà qualora un software di terze parti cercasse di iniettare del codice che potrebbe causare un crash del browser (a partire dalla versione 68 i software di terze parti di questo tipo dovrebbero essere del tutto bloccati). C’è inoltre una nuova opzione per esportare le password (disponibile anche per iOS ed Android), che saranno salvate in formato csv con testo in chiaro (probabilmente previo inserimento della password dell’utente).

Inoltre, segnaliamo anche la rimozione dei certificati di Symantec, avvenuta in seguito al mancato adempimento dell’azienda ai più recenti standard di sicurezza dell’industria di settore. Questo significa che compariranno degli avvisi su tutti quei siti che non siano migrati al nuovo DigiCert Certificate Authority. Infine, ci sono ulteriori mitigazioni per Spectre, la vulnerabilità che ha colpito la maggior parte delle CPU in commercio.

Su Android, se foste in vena di esperimenti, vi suggeriamo un paio di opzioni da abilitare tra i flag, che potrebbero piacervi:

  • chrome://flags/#enable-chrome-duplex – si tratta di una piccola toolbar in basso nella nuova pagina
  • chrome://flags/#enable-chrome-modern-design – il vostro Chrome diventerà tutto un po’ più “stondato”, compresa la pagina iniziale
Via: 9to5Google (1), (2)