Chrome OS sempre più integrato con Android: ecco cosa ci aspetta con Phone Hub

Matteo Bottin

In Chrome OS esiste già la funzione Better Together che permette di connettere un telefono Android con un Chromebook per gestire cose come messaggi, hotspot e Smart Lock, ma pare che non sia abbastanza: in futuro potrebbe arrivare “Phone Hub”.

Phone Hub è una nuova funzione che promette di gestire le notifiche e “continuazione dei task”. I dettagli sono pochi, ma sono spuntati alcune informazioni all’interno del codice di Chrome OS:

Abilita Phone Hub

Fornisce agli utenti una UI per vedere informazioni riguardanti il proprio telefono Android ed eseguire azioni lato-smartphone all’interno di Chrome OS

Enable Phone Hub

Provides a UI for users to view information about their Android phone and perform phone-side actions within Chrome OS.

#enable-phone-hub

Altri cambiamenti nel codice riguardano alcuni riferimento a Phone Hub in una nuova sezione della pagina Connected Devices. In questa sezione troviamo tre impostazioni: Phone Hub Notifications, Phone Hun Notifications Badge e Phone Hub task Continuation.

Le prime due probabilmente riguardano la gestione delle notifiche di Android all’interno di Chrome OS. L’ultima, invece, sembra essere ancora più interessante: sebbene non ci siano conferme, potrebbe essere il primo passo per poter continuare su PC quello che si stava eseguendo su smartphone, con un’ottima soluzione di continuità.

Phone Hub è comunque ancora negli stati embrionali di sviluppo, e l’unica informazione “certa” riguarda il fatto che Android e Chrome OS comunicheranno via Bluetooth. Appena avremo nuovi dettagli ve li riporteremo.

Fonte: 9to5Google
  • Enzo

    ma una recensione di un chromebook a piacere?

    • ILCONDOTTIERO

      A farne che , che sono lo 0,001% del mercato attuale . Quando arriveranno al 10% mondiale sarà una cosa gradita.

      • L’avanzata è inevitabile, anche in un mercato pigro come il nostro iniziano a sollevare sempre più curiosità.
        Magari perché anche i consumer iniziano a non poterne più del peso, della lentezza e dei bug di Windows 10.

        • ILCONDOTTIERO

          Non ho scritto che non avanzerà mai . Sicuramente credo che finché non si arriverà ad un 10% che sarebbe un bel traguardo molto importante , si potrà mettere in discussione più che Windows , sarà Apple perché offrirà di più in tutto.

          • Probabilmente ci sarà una decisa impennata quando, a breve, ChromeOS potrà eseguire software Windows.
            ChromeOS è superiore a Windows 10 quasi su ogni parametro di giudizio, quindi una volta aperto al suo software la mazzata arriverà di certo.
            Per contro non penso proprio che Apple corra rischi, sono mercati diversi.
            Google è interessata a mietere fra quel 70% di macchine aziendali ancora su Windows 10.

          • Apocalypse

            I software Windows gireranno su ChromeOs attraverso Parallels, come già avviene con Apple. Ma non é proprio come farli girare direttamente su Pc Windows…
            Cmq personalmente ritengo che per la produttività, i Chromebook siano molto meglio dei Pc Windows e sono un sostenitore come te di ChromeOs e tutti i suoi fork.

          • Per la gran parte degli utenti ChromeOS è la stessa cosa, dal momento che gli end user sono abituati ad usare software Linux in esecuzione su Crostini, che è per l’appunto una VM.
            L’importante è che le cose vengano fatte bene e che, come già avviene per Android e Linux, le finestre delle applicazioni non risultino distinguibili le une dalle altre.
            Se questo sarà garantito, all’utente finale di sapere su quale sistema operativo sia in esecuzione un programma, o se l’OS sia ospitato da un virtualizzatore, non importa niente.
            Ricorda che il prodotto avrà un target aziendale, quindi utenza-tipo assai poco evoluta inreressata unicamente a pacchetti di produttività.

            Tu usi Crostini? Ormai da un po’l’ho abbandonato a vantaggio di un mix a base Crouton + Chromebrew.

          • Apocalypse

            Spero ci vada vicino come esperienza, ma non potrà mai essere equiparabile alla stabilità fornita da una macchina Windows dedicata.

          • Non ci va vicino, è identico.

            È anche molto più stabile, affidabile, veloce e parco nell’uso delle risorse di quanto non lo sia Windows…. non che serva molto per essere più affidabili e meno esosi di Windows 10.

          • Apocalypse

            Cambia spacciatore

          • PS: errore, in realtà di articoli sull’architettura di FydeOS/ChromeOS ne ho scritti tre.
            Un lettore di Uncino che mi segue su Disqus mi ha fatto notare che anche quello sui tre Linux può essere considerato come un articolo sull’architettura di sistema.

    • Marco Mengoni

      Io ho comprato un HP14a 4 giorni fa e mi trovo benissimo!! Anche perché uso solo i servizi Google e non uso il PC per giocare..

      • Apocalypse

        Per giocare c’é Stadia. Google ha pensato a tutto.

        • Marco Mengoni

          Giusto

      • Enzo

        Si ho regalato un acer con chromebook a mio zio e ne è entusiasta… Al di là di tutto si trovano recensioni di chromebook sul web e in inglese ma sulle principali testate italiane il nulla… Non riesco a capire eppure sono prodotti molto interessanti e innovativi

    • Io uso ormai da un anno e mezzo FydeOS in totale sostituzione di Windows su due macchine Core i7 e la soddisfazione è enorme.
      Le macchine Chromebook “originali” sono tutte molto costose rispetto al reale contenuto tecnologico.
      FydeOS è del tutto indistinguibile dal ChromeOS originale, ma ha il vantaggio di poter essere eseguito su macchine non espressamente dedicate.

      • Apocalypse

        FydeOs e anche Cloudready, sono delle alternative valide, ma non é assolutamente come avere ChromeOs su una macchina dedicata.

        • Cloudready non è un ChromeOS, FydeOS è indistinguibile da un ChromeOS.

          • Apocalypse

            Sono entrambi fork.

          • Cloudready non lo è, è un fork di ChromiumOS che di fatto non aggiunge nessuna caratteeistica se non un miglioramento del Desktop. Quindi Cloudready non può assolutamente essere definito un clone di ChromeOS.
            FydeOS è tutt’altra cosa. In questo caso il lavoro fatto è enorme e l’utente non ha modo di distinguere una macchina ChromeOS da una FydeOS se non andando a guardare il nome nell’about delle impostazioni.
            In aggiunta dalla versione 10 FydeOS esegue la prima configurazione direttamente con l’account Google, quindi l’utente si ritrova con un vero Chromebook fin dalla prima accensione.

            Ai fini dell’utente il fatto che sia l’originale o un clone identico poco importa. Ciò che conta è che grazie a FydeOS questo meraviglioso sistema operativo sia eseguibile su macchine di classe Core i5 – i7 anche qui in Europa.

          • Apocalypse

            La tua precisazione é corretta e non metto in dubbio la bontà di FydeOs. Ma quest’ultimo non potrà mai essere considerato uguale a ChromeOs, perché ció che avviene “sotto il cofano” di ChromeOs su macchine dedicate, é Made by Google, quindi si tratta di miglioramenti software che l’utente finale avverte poi nell’uso quotidiano con fluidità, velocità, stabilità, ed efficienza energetica. É come dire che un dispositivo che monta Android, é uguale all’esperienza di un Google Pixel. Assolutamente no.

          • Ho sempre parlato di esperienza utente.
            Ciò che avviene “sotto al cofano” non è un problema dell’utente finale.
            Quanto a ciò che avviene nella realtà… beh non differisce in niente di diverso da quanto avviene sotto il cofano di qualsiasi prodotto di un OEM ufficiale.

            Immagino, visto il dialogo, che tu conosca bene sia l’architettura di FydeOS che quella di ChromeOS bene quanto me… quindi ti chiedo, in che punto trovi differenze?
            Ho già scritto due articoli sull’architettura del sistema, ed intrambi nel titolo portano la dicitura “FydeOS/ChromeOS” perché fino a questo punto non ho trovato la minima differenza architetturale tra i due prodotti.
            Se tu al contrario ne hai trovata una ti sarei grato se me la dicessi.
            Per me anche sotto il cofano i due sistemi operativi sono assolutamente identici.

          • Apocalypse

            Partono entrambi dallo stesso codice sorgente, ma lo sviluppo prosegue in maniera diversa. FydeOs é anche privo dei servizi Google, da installare separatamente. Tralasciamo il discorso sicurezza, non oso immaginare cosa si nasconda dietro ad un fork cinese.

          • Torno a ripetere, dal momento che lo conosci almeno quanto me nell’implementazione, mi indichi le principali differenze?
            Questo evidentemente riguarda anche la sicurezza, visto che due codici identici avranno anche pari sicurezza.
            Hai affermato che “sotto il cofano” avvengono cose diverse, no? dovresti essere in grado di indicarle.

            I3 Play Service installati sono quelli ufficiali, prelevati purtroppo dal lentissimo Source Forge, così come è quella originale l’intera piattaforma Android. Non c’è nessun intervento sulla parte Android.
            Non vengono installati dal produttore ma dall’utente perché in Cina sarebbe vietato.
            Un click di mouse, una spunta sulla casella che libera il produttore dalla responsabilità dell’installazione dei Play Service, ed il gioco è fatto… soddisfatto l’utente e (almeno formalmente) rispettata la legge cinese.

          • Apocalypse

            Non posso leggere gli svillupi di Google su ChromeOs, partendo dal codice sorgente. Se tu fossi un programmatore, lo dovresti sapere che é off limits. Ma deduco quindi che tu non abbia conoscenze di programmazione.

          • FydeOS è ottenuto fondendo il ChromiumOS, ARC standard e AOSP standard.
            Neppure un byte è stato cambiato rispetto al contenuto originale dei repository.
            L’unica cosa aggiunta dall’azienda cinese è lo strato software di integrazione con Wayland, ma anche questo è basato su componenti software Open Source non modificati.
            L’unica cosa che si scarica da repository cinesi è il software di integrazione, una manciata di KB di codice passato al microscopio e controllato più volte con i log dei router: FydeOS è assolutamente sicuro.

            ChromeOS è esattamente questo, né più né meno, ed è quello che fanno tutti gli OEM che mettono sul mercato macchine Chromebook. A differenza di Android non esiste una distribuzione ChromeOS destinata agli OEM, tutti seguono questo procedimento.
            L’unica differenza con i Chromebook è che loro hanno la licenza per usare Chrome mentre qui si usa Chromium.
            Oltre a quella per scrivere il marchio registrato “Chromebook” sulla pecetta, ovviamente.

            FydeOS è un gigantesco lavoro di integrazione di sistemi che ha come risultato un normalissimo ChromeOS, indistinguibile da quello che hai sotto alle dita.

          • Apocalypse

            Infatti, si usa Chromium, già quello lo rende molto piú simile a Cloudready, che a ChromeOs

          • OK, siamo passati dalle differenze “sotto al cofano” all’uso di Chromium… un buon passo avanti 😁

            Perché invece di criticare a priori un prodotto che non conosci minimamente non lo provi? Almeno criticheresti con cognizione di causa.

            Per chi legge… non dategli retta, su Uncino abbiamo un sacco di utenti che hanno pure i Chromebook originali, e tutti rimpiangono di aver speso un sacco di denaro per avere un prodotto identico a quello che avrebbero potuto ottenere con una spesa inferiore del 50%.

          • Apocalypse

            Prima cosa, quella a fydeOs non é una critica. Seconda cosa, ti ho fatto dire una sacrosanta verità, ovvero che sotto al confano ha differenze gigantesche con ChromeOs, perché uno é Chromium e l’altro é Chrome. Uno non ha i servizi Google nativi, l’altro sí. Uno gode del supporto di Google, l’altro di chissà quale sviluppatore cinese. Se per te sono uguali, non mi interessa convincerti del contrario, ma evita di fare disinformazione qui e sul tuo blog.

          • Chrome e Chromium non sono”sotto al cofano” ma sopra. E sono entrambi quelli originali con il bollino Google, così come Android ed i Play Service.
            Il resto mi sembra un gruppo di critiche basate sul terrore della Cina indotto nelle menti più condizionsbili, visto che non contiene niente di oggettivo.
            Sai quando i rappresentanti del clero si rifiutavano di accostare l’occhio al cannocchiale di Galileo?
            Stessa cosa.

            FydeOS è identico a ChromeOS.
            La realtà è questa; il tentativo di disinfestazione è il tuo, oltretutto rivolto ad un prodotto che non conosci minimamente.

          • Apocalypse

            Con fydeos hai trovato l’uovo di colombo, l’importante é che tu ne sia convinto. Chrome e Chromium sono la stessa cosa, i servizi Google nativi o meno sono la stessa cosa. Il supporto di Google o di uno sconosciuto sviluppatore cinese sono la stessa cosa. Lo sviluppo portato avanti da Google o da uno sconosciuto sviluppatore cinese, sono la stessa cosa. Parallels e una macchina Windows dedicata sono la stessa cosa. Ma vai in cina che é meglio, dai 😁

          • Ho trovato l’uovo di colombo con ChromeOS.
            Poi che lo facciano a Mountain View piuttosto che a Pechino non mi importa visto che il prodotto è identico.
            Ripeto, perché invece di renderti ridicolo criticando un prodotto che non conosci, non lo provi?

          • Apocalypse

            Scrivi delle stronxate che non si possono davvero leggere 🤦

          • Gli insulti arrivano quando si esauriscono gli argomenti.
            Sai qual è l’importante? che sedici persone sono arrivate sugli articoli dedicati a FydeOS e una di loro ha scaricato il file di autoconfigurazione di Crostini.
            Per il tuo giudizio tutti filo cinesi, immagino 😂😂

          • Apocalypse

            Gli insulti arrivano quando persone arroganti come te, si fanno il fegato amaro perché qualcuno gli fa notare l’inconsistenza delle loro affermazioni. Infatti tu mi hai insultato, ma non c’era bisogno di chiedermi scusa, ti ho già perdonato. Il grande capisce sempre il piú piccolo. Cmq bel record per il tuo blog, ben sedici persone! 👍

            🤭

          • No, ho detto 16 persone provenienti da questo sito su un singolo gruppo di articoli in un paio d’ore.
            La consistenza di ciò che so e che dico è data dall’avere al mio attivo numerosi articoli sull’architettura di ChromeOS.
            Per contro la tua palese impreparazione è ben visibile a tutti.
            Sei il solito sciocco che da giudizi non in base a qualcosa di oggettivo ma per antipatia.

          • Apocalypse

            A me invece stanno sulle balle quelli che come te, credono di conoscere i dettagli dei sistemi operativi, solo perché leggono tre caxxate in giro e poi fanno disinformazione, ponendo ChromeOs al livello di un fork di Chromium. Quelli che sono venuti a leggere sul tuo blog, é gente che ovviamente ama leggere di tutto, ma alla fine potrebbe arrivare alla mia stessa conclusione: che sei poco competente e fai solo tanta pubblicità, come se avessi scoperto l’america.

          • Addio, sei in ignore list

          • Apocalypse

            Noooooo, come soffro 😱

            🤭

          • Lord Chaotic

            Ma è tutto ben tradotto o ci son parti che restano in cinese? Vorrei provarlo al posto di cloudyready Visto che ha il supporto ad android. da dove lo scarichi?

          • Dopo che la scorsa settimana ho fatto notare ai dev il problema della roba in cinese per le lingue non supportate (ad. es. l’italiano), adesso al massimo ti viene fuori qualcosa in inglese nel software di installazione.
            L’OS in sé è tutto in italiano, con ottima traduzione.

            Cloudready è un giocattolo, ma ha il vantaggio di essere molto meno schizzinoso riguardo al supporto hardware.
            Posso chiederti su che macchina intendi installarlo?

  • broncos

    Primo “problema” dopo anni di utilizzo.
    Non so se sia colpa del file manager di Chrome OS o un problema di Pcloud che non si integra ancora bene con Chrome OS.
    Ho installato Pcloud android e me lo ritrovo quindi nel file manager di Chrome OS, ma provando a spostare dei file di fumetti in formato .CBR da Google Drive a Pcloud (tramite file manager) sembra andare tutto bene ma poi in realtà in Pcloud arrivano file vuoti