Cosa ci insegna Password Checkup di Google a proposito delle credenziali sicure che usiamo online (foto)

Vincenzo Ronca Nel primo mese di funzionamento l'1,5% dei suoi utenti ha usato password compromesse.

Google dimostra di tenere costantemente in considerazione l’aspetto della sicurezza e della privacy dei suoi utenti. L’ultima novità lanciata in questo ambito è dedicata al suo popolare browser web, Google Chrome.

Qualche mese fa Google ha lanciato una nuova estensione per il suo browser denominata Password Checkup, la quale si pone l’obiettivo di identificare se le password inserite dall’utente mediante Chrome siano compromesse o meno. Per farlo si basa su un database di circa 4 miliardi di password e nomi utente identificate come compromesse a causa di violazioni da terze parti. Nel primo mese di funzionamento dell’estensione, Google ha rilevato che l’1,5% degli utenti (circa 300.000) hanno usato delle credenziali compromesse.

LEGGI ANCHE: FIMI X8 SE, la recensione

Chiaramente la percentuale tiene in considerazione solo gli utenti che hanno effettivamente installato ed abilitato l’estensione, dunque si tratta di una stima assoluta certamente al ribasso.

Lo strumento di Google verrà probabilmente integrato come una funzionalità di Google Chrome, come evidenziato da 9to5Google che ha analizzato il Chromium Bug Tracker. Questo dovrebbe avvenire a partire dalla versione 78 del browser web, che verrà distribuita nel mese di ottobre.

Via: TechRadarFonte: Google