La UE vuole rendere tracciabili le criptovalute: la fine di un'era?

La UE vuole rendere tracciabili le criptovalute: la fine di un'era?
Nicola Ligas
Nicola Ligas

La UE vuole rendere più tracciabili le criptovalute, "ree" di essere un veicolo facile per il riciclaggio di denaro, e per fare ciò ha introdotto un nuovo pacchetto di legge che richiederà ai servizi di scambio di criptovalute di raccogliere informazioni sugli utenti coinvolti negli scambi.

Andando a colpire i "crypto-asset service provider" saranno facilmente raggiunte la maggior parte delle transazioni, ed i portafogli anonimi saranno bannati, in modo che i trasferimenti siano quindi tutti tracciabili.

Per mettere meglio le cose in prospettiva, secondo Chainalysis, nel 2020 sono stati oltre 2 i miliardi di dollari riciclati tramite criptovalute, il 55% dei quali attraverso solo 270 account blockchain. La nuova legge UE potrebbe quindi segnare un precedente importante, soprattutto se poi adottata in altre parti del mondo.

Sono comunque mesi complessi per il mercato delle cripto, da una parte minato dalla Cina e dall'altra dalla necessità di regolamentazioni, che provengono da più parti. Non a caso tutte le principali monete stanno conoscendo un periodo di forte ribasso (chi più, chi meno), e per il momento non ci sono segnali di ripresa imminente.

Via: CNet

Commenta