Google Family Link si espande su Chromebook: limiti ai contenuti e al tempo passato sul web dai più piccoli

Edoardo Carlo Ceretti

Sono passati quasi due anni da quando Google decise di lanciare Family Link, una nuova app per Android che rientra nell’alveo dei software per il parental control, tramite cui i genitori possono offrire ai propri figli un ambiente protetto e accogliente per iniziare ad approcciare l’universo del web. Sbarcata nel maggio di quest’anno anche in Italia, da tempo è fruibile anche su Chrome OS. E ora le sue potenzialità si espandono ulteriormente.

Google ha infatti annunciato una serie di nuove funzioni, indirizzate proprio alla gestione, da parte dei genitori, delle sessioni online dei più piccoli. Secondo Big G, oltre la metà dei bambini ha accesso ad un computer, dunque è importante che gli adulti si impegnino a rendere un valore aggiunto il tempo passato sul web, evitando che si trasformi in un problema o che si sviluppino cattive abitudini.

LEGGI ANCHE: DJI Osmo Pocket, la recensione

I genitori potranno infatti impostare un limite al tempo che i figli passano sul web, raggiunto il quale dovranno dedicarsi ad altre importanti attività. Inoltre, sarà possibile selezionare ancora più profondamente i contenuti a cui i più piccoli possono avere accesso, escludendo siti e contenuti non appropriati alla loro età. Infine, gli account bambini sui Chromebook potranno essere gestiti in qualsiasi momento, anche da remoto, dai genitori. Per maggiori informazioni sulle novità introdotte in Family Link, vi rimandiamo al blog ufficiale di Google.

Fonte: Google