Google Fuchsia potrebbe eseguire app Android e Linux in modo nativo, ecco come

Vincenzo Ronca

Da anni ormai si parla del nuovo sistema operativo che Google starebbe scrivendo da zero, Fuchsia OS, e che dovrebbe arrivare su piattaforma PC. Tale sistema operativo potrebbe sostituire definitivamente Chrome OS e oggi andiamo a vedere una delle differenze principali che potrebbe proporre.

Da tempo si cerca di capire come si comporterà Fuchsia OS nei confronti dell’esecuzione di app Android e Linux. Sappiamo che in Chrome OS le app Linux vengono eseguite per mezzo di un’istanza completa di Linux, essenzialmente una macchina virtuale. Questo approccio sembra poco praticabile in Fuchsia OS, in particolare la gestione di host e guest sarebbe molto macchinosa. Pertanto, Google sta pensando a una soluzione diversa.

LEGGI ANCHE: Teufel Supreme On, la recensione

L’approccio immaginato da Google consiste nella soluzione Starnix, una sorta di traduttore tra le istruzioni del kernel di Linux e quelle che deve recepire il kernel di Fuchsia OS, denominato Zircon. Per mezzo di tale soluzione le app Linux verrebbero eseguite in modo nativo su Fuchsia OS, con Starnix che si occuperebbe del monitoraggio della corretta esecuzione di tali app.

Tale approccio tornerebbe utile anche per le esecuzione di app Android su Fuchsia OS, in particolare per quelle app che integrano codice scritto per essere compilato in Linux. Dunque ci si aspetta un’integrazione profonda anche tra le app Android e Fuchsia OS. In generale, Starnix deve essere vista come una soluzione provvisoria alla questione: probabilmente Google si prenderà del tempo per implementare il supporto alle app Linux e Android direttamente in Fuchsia OS.

Tutto quanto abbiamo appena descritto è attualmente in fase di proposta da parte di Google, ora starà anche agli sviluppatori di terze parti mettersi all’opera per contribuire alla soluzione Starnix e per interfacciarla con le varie app Linux e Android. Vi ricordiamo che recentemente Google ha reso il progetto open source.

Via: 9to5GoogleFonte: Google Fuchsia