E se Google permettesse di far girare Windows 10 sui Pixelbook?

Roberto Artigiani

Lanciati lo scorso Ottobre insieme agli smartphone Pixel 2 e 2 XL, i Pixelbook si sono presentati da subito come la naturale evoluzione dei Chromebook, così com’era avvenuto nel reame dei telefoni con la transizione da “Nexus” a “Pixel”.

Si tratta di laptop con caratteristiche tecniche al top che però non viene sfruttato a fondo dal sistema operativo e a causa della carenza di applicazioni. Google, che deve essere consapevole di questa limitazione, ha recentemente annunciato il progetto Crostini per permettere ai Pixelbook di far girare applicazioni Linux. Ma potrebbe non essere tutto.

Un utente Reddit ha scovato un commit che indica che BigG starebbe lavorando sulla funzionalità Alt OS, ossia sulla possibilità di avviare la macchina con un sistema operativo diverso da Chrome OS. La cosa non è una novità assoluta, anche se finora si era trattato più di speculazioni che di altro e si pensava che potesse riguardare non solo Windows 10 ma anche il fantomatico Fuchsia.

LEGGI ANCHE: Il primo Chromebook con monitor 4k

Prima di immaginare un futuro prossimo in cui poter installare o avviare il sistema operativo Microsoft tramite USB, i possessori di Pixelbook dovrebbero sapere che per ora i lavori riguardano solamente la versione “campfire” che è sperimentale e legata all’uso interno per test.

Guardando il bicchiere mezzo pieno, è positivo anche solo il fatto che Google stia mettendo mano alla questione; d’altra parte però non ci sono ancora date né tantomeno certezze per un arrivo della funzionalità nel ramo stabile.

Via: XDA Developers