Pixel Slate ufficiale: ecco il primo convertibile Google con Chrome OS (foto e video)

Giuseppe Tripodi - Il nuovo tablet con Chrome OS ha cover con tastiera e penna stylus, ma non arriverà in Italia, almeno all'inizio

Non solo Android sul palco della presentazione Google: insieme ai nuovi Pixel 3 e Pixel 3 XL, bigG ha presentato anche il nuovo dispositivo di riferimento per Chrome OS, chiamato Pixel Slate. Dopo lungo tempo, Google ha deciso di puntare nuovamente su un tablet votato alla produttività, che darà il meglio di sé grazie ad una stylus e una cover con tastiera (acquistabili separatamente), che permettono di utilizzare il Pixel Slate come una valida alternativa ad un laptop.

Questo convertibile, precedentemente noto con il nome in codice Nocturne, promette un buon mix tra intrattenimento e produttività: ha un display molto luminoso e con una densità da ben 293 ppi, ma anche una tastiera che permette di digitare in tutta comodità. Prima di procedere oltre, diamo un’occhiata alle specifiche tecniche.

LEGGI ANCHE: Google Pixel 3 e Pixel 3 XL ufficiali: sì, sapevamo già tutto, anche il prezzo

Caratteristiche Tecniche

  • Schermo: Molecular Display, 12,3″, risoluzione 3000 x 2000 pixel (293 ppi), luminosità di 400 nits
  • Processore: Intel Celeron 3965Y (1,5GHz) / Intel Core m3-8100Y (3,4GHz) / Intel Core i5-8200Y (3,9GHz) / Intel Core i7-8500Y (a 4,20 GHz)
  • RAM: 4 GB o 8 GB (Celeron) / 8 GB (m3, i5, i7) / 16 GB (i7)
  • Archiviazione:   32 GB o 64 GB (Celeron) / 64 GB (m3) / 128 GB ( i5) / 256 GB (i7)
  • Fotocamere: 8 megapixel (frontale) + 8 megapixel (posteriore), con modalità Ritratto
  • Porte: USB-C, connettore magnetico
  • Batteria: 48Wh, autonomia fino a 10 ore, con ricarica rapida (2 ore con 15 minuti di ricarica)
  • Peso: 721 g
  • Dimensioni: 290,9 x 202 x 7 mm
  • Sensori: giroscopio 3 assi, accelerometro
  • Altro: doppio speaker frontale, Assistente Google con tasto dedicato, Titan Security, lettore di impronte digitali, Pixelbook Pen (venduta separatamente), Pixel Slate Keyboard (venduta separatamente),
  • Sistema operativo: Chrome OS con supporto alle app Android

Una differenza importante rispetto al passato è la presenza del lettore di impronte digitali, che per la prima volta arriva anche su Chrome OS: questo sistema di autenticazione porta maggior velocità nell’accesso al dispositivo e la possibilità di salvare e inserire in tutta sicurezza le password.

Inoltre, con Pixel Slate debutta la nuova versione di Chrome OS, che include una modalità split screen e nuovi controlli rapidi, ad esempio per attivare velocemente la modalità Non disturbare.

Infine, la Pixel Slate Keyboard è una cover con tastiera: ha tasti circolari e retroilluminati, tra i quali spicca il pulsante per lanciare Google Assistant. Google evidenzia la possibilità di poter posizionare il Pixel Slate con qualsiasi inclinazione.

Uscita e prezzo

Google Pixel Slate sarà disponibile nella sola colorazione Midnight blue entro la fine dell’anno, ma solo in USA, Canada e Regno Unito.

Di seguito i prezzi di partenza delle 4 versioni:

  • Pixel Slate con Intel Celeron: da 599$ (versione 4GB RAM e 32 GB SSD)
  • Pixel Slate con Intel Core m3 (8a gen): da 799$ (8 GB RAM / 64 GB SSD)
  • Pixel Slate con Intel Core i5 (8a gen): da 999$ (8 GB RAM / 128 GB SSD)
  • Pixel Slate con Intel Core i7 (8a gen): da 1.599$ (16 GB RAM / 256 GB SSD)
  • Pixel Slate Keyboard: 199$
  • Pixelbook Pen: 99$

Video

Foto

 

  • Alessandro Matricardi

    che delusione.. ma sarà possibile comunque ordinarlo in Italia? Comunque speravo in un modello anche di fascia media e sinceramente trovo assurdi i prezzi aggiuntivi di penna e tastiera..

    • RiccardoC

      Veramente assurdo che costi anche più della già esosa tastiera Apple bt .. Però non fanno che confermare quello che dico: se vuoi un simil macbook devi essere pronto a spendere altrettanto

      • Alessandro Matricardi

        ma più che altro io 500 per la versione più bassa se compreso di penna e tastiera li avrei anche spesi ma arrivare a più di novecento per tutto con poi specifiche mediocri non capisco a che target puntino

        • RiccardoC

          come i macbook il costo non è dato tanto dalle specifiche quanto dalla particolarità del dispositivo e dalla qualità costruttiva.
          Io personalmente apprezzo ciò e sono disposto a pagare per averlo, ma se ad uno queste cose non interessano, allora fa bene a lasciarli sullo scaffale.

  • Alcunaidea

    Ah, i bei tempi in cui Google era l’alternativa intelligente ad Apple…
    Ora è diventata il fratellastro invidioso.

  • klau1987

    carino ma per ciò che offre al momento chrome OS rispetto la concorrenza non vale il prezzo

  • NekoMale

    Nemmeno Microsoft con i Surface a momenti.
    Io spero stessero scherzando.Un m3 1000€ e un Celeron 1 900 (se contiamo gli accessori, di cui la tastiera direi necessaria)

  • riky1979

    Notavo che non c’è nessun processore su base ARM tra le scelte di Google, tutti di origine Intel!
    Mi sarei aspettato anche se non solo versioni basate su processori ARM