I ransomware sono un grave problema in Italia: a gennaio terzi al mondo

I ransomware sono un grave problema in Italia: a gennaio terzi al mondo
Antonio Lepore
Antonio Lepore

Secondo l'ultimo report di Trend Micro Research – divisione di Trend Micro - l'Italia continua a rimanere tra i Paesi più colpiti dai cybercriminali. Per quanto riguarda i ransomware, a gennaio, l'Italia è stata la terza nazione più colpita (settima a febbraio), insieme all'India. Se consideriamo i malware, invece, il nostro Paese, a gennaio, è stato il nono più colpito a livello mondiale (il settimo a febbraio).

Il numero totale di ransomware intercettati in tutto il mondo è stato di 785.000, a febbraio di 1.184.000. L'Italia a gennaio ha ricevuto il 4,83% di attacchi ed è preceduta solo da Stati Uniti e Francia. A febbraio, invece, l'Italia è stata colpita dal 3,55% dei ransomware che si sono abbattuti in tutto il mondo. Per quanto riguarda i malware, infine, sia a gennaio che a febbraio, il Paese è stato colpito da oltre 17 miliardi di attacchi. I settori più colpiti risultano il manufacturing, la PA e i servizi finanziari.

I dati sono frutto delle analisi della Smart Protection Network, la rete di intelligence globale di Trend Micro che individua e analizza le minacce e aggiorna costantemente il database online relativo agli incidenti cyber, per bloccare gli attacchi in tempo reale.

Mostra i commenti