Intel 4004, il microprocessore che 50 anni fa ha fatto la storia

Intel 4004, il microprocessore che 50 anni fa ha fatto la storia
Federica Papagni
Federica Papagni

Era il 15 novembre 1971 quando Intel introdusse nel commercio il suo 4004, il primo microprocessore disponibile al mondo che ai tempi aprì la strada verso l'informatica moderna, dal momento che rappresenta il fulcro che rende possibile ogni tecnologia, dal cloud all'edge computing.

Se all'Intel 4004 è stato associato il termine "innovazione" si deve alle possibilità che ha aperto, in quanto ha permesso la realizzazione di circuiti integrati complessi su chip delle dimensioni di un'unghia. Inoltre, ha stabilito una metodologia di progettazione a logica casuale, su cui poi sono state basate le successive generazioni di microprocessori, la cui evoluzione ci ha portati a godere dei chip attualmente presenti nei nostri dispositivi.

Se il 4004 è il passato, i più recenti Intel Core di dodicesima generazione sono il futuro dell'informatica. La nuova architettura ibrida di questa famiglia incarna un cambiamento di paradigma reso possibile dalla co-progettazione di software e hardware e offrirà prestazioni ai masimi livelli per diverse generazioni.

Per celebrare i 50 anni del microprocessore dell'azienda riportiamo le parole di uno dei suoi padri, Federico Faggin, lo scienziato ex-dipendente di Intel che lo progettò insieme a Tedd Hoff e Stan Mazor:

"[Guardando al] 1970, era chiaro che i microprocessori avrebbero cambiato il modo in cui progettiamo sistemi, passando dall'hardware all'utilizzo del software. Ma la velocità con cui si sono sviluppati i microprocessori e sono stati adottati nel tempo è veramente sorprendente."

Intel 4004 - Immagini

Commenta