Intel vuole la leadership dei portatili più leggeri, con i Core di 12ma gen. serie P ed U

Tornano gli efficiency ed i performance core, per imporsi anche sulla fascia thin and light
Intel vuole la leadership dei portatili più leggeri, con i Core di 12ma gen. serie P ed U
Nicola Ligas
Nicola Ligas

Già annunciati in passato, Intel lancia oggi ufficialmente i processori Intel Core di 12ma generazione serie P e serie U, quelli desinati ai portatili leggeri ed ultraleggeri (TDP da 28 a 9 Watt). In tutto si tratta di 20 nuovi processori, che troveremo in commercio già da marzo 2022, e con oltre 250 modelli previsti nel corso dell'anno da parte di tutti i principali produttori (Acer, Asus, Dell, HP, Lenovo, LG, MSI, Samsung ecc.).

Dopo il lancio del più veloce processore da gaming, stiamo ora ampliando la famiglia dei processori Intel Core di dodicesima generazione per realizzare un grande balzo in avanti in termini di prestazioni nei laptop thin-and-light. Dai dispositivi leggeri e sottili a prodotti caratterizzati da un design elegante e prestazioni in grado di soddisfare gli appassionati, offriamo ai consumatori e alle aziende prestazioni leader e tecnologie avanzate.

da Chris Walker, corporate vice president e general manager, Mobility Client Platforms di Intel

Nelle 3 tabelle seguenti trovate un rapido sunto delle specifiche degli Intel Core 12th gen P series e U series, in particolare i7-1280P, i7-1270P, i7-1260P, i5-1250P, i5-1240P, i3-1220P e i7-1265U/i7-1260U, i7-1255U/i7-1250U, i5-1245U/i5-1240U, i5-1235U/¡5-1230U, i3-1215U/¡3-1210U.

Tra i punti di forza delle nuove proposte Intel annoveriamo:

  • Fino a 14 core (6 P-core, ad alte performance, ed 8 E-core, ad alta efficienza energetica). 
  • Grafica Intel Iris Xe integrata con un massimo di 96 EU (stesso numero della 11ma generazione)
  • Supporto per DDR5/LPDDR5 e DDR4/LPDDR4. 
  • Prestazioni multi-thread aumentate fino al 70% più elevate (i7-1280P vs. i7-1195G7)
  • Quasi il doppio delle prestazioni di rendering 3D
  • Photo editing fino al 30% più veloce
  • Wi-Fi 6E
  • Thunderbolt 4
  • Intel IPU6.0 per una migliore qualità d'immagine e una maggiore efficienza del videoconferencing

In poche parole, dopo aver compiuto un balzo di livello con la grafica integrata nell'11ma generazione, Intel schiaccia ora il pedale dell'acceleratore sulla componente più "basilare" di un processore, ovvero la CPU.

Le sue ultime soluzioni in realtà assomigliano molto di più ai SoC che abbiamo conosciuto ed apprezzato nel mondo mobile, ed è proprio all'architettura ARM che si rifà la configurazione "big.LITTLE" P-core/E-core, che mira a coniugare performance ed autonomia in un modo che dei core omogenei non avrebbero mai potuto fare.

Peccato che, così come AMD aveva omesso di confrontarsi con la 12ma generazione di Intel nel lancio dei suoi Ryzen 6000 mobile, così Intel faccia altrettanto adesso: supponiamo che toccherà a noi il confronto tra le due ultime soluzioni dei due chip maker durante le recensioni dei prossimi mesi.

Mostra i commenti