Google rinomina il kernel di Fuchsia da Magenta a Zircon: Estiqaatsi ne è felice!

Google rinomina il kernel di Fuchsia da Magenta a Zircon: Estiqaatsi ne è felice!
Nicola Ligas
Nicola Ligas

Google sta lavorando da diversi mesi (anni, per quanto ne sappiamo) ad un nuovo sistema operativo, non più basato su Linux. La particolarità di questo OS, chiamato Fuchsia, è quella di essere basato su un kernel progettato per essere più scalabile, ed adattarsi così ai dispositivi più disparati: dall'Internet of Things, a smartphone e tablet, fino ai computer desktop. È proprio questo kernel che ha da poco subito un cambio di nome: da Magenta a Zircon.

Zircon is the core platform that powers the Fuchsia OS. Zircon is composed of a microkernel (source in kernel/…) as well as a small set of userspace services, drivers, and libraries (source in system/…) necessary for the system to boot, talk to hardware, load userspace processes and run them, etc. Fuchsia builds a much larger OS on top of this foundation.

Ovviamente un cambio di nome non significa nulla, e per allungare il brodo potremmo anche provare a vederci del simbolismo: da un semplice colore, magenta, siamo passati ad una pietra dura, ad indicare la "solidità" dell'OS; ma non lo faremo. Di per sé un cambio di nome significa poco e niente.

Piuttosto è importante constatare che il progetto va avanti, in un modo o nell'altro. Non è poco, considerando che parliamo di Google, ma attenzione a non accostare Fuchsia ad Android, perché sono due sistemi completamente diversi, a partire proprio "dal nocciolo" (kernel); fermo restando che come sarà davvero Fuchsia nessuno lo sa, forse ancora nemmeno Google.

Via: 9to5Google

Commenta