La quarantena crea un boom di domanda per i PC da gaming, ma l’anno rimane negativo (foto)

Enrico Paccusse Dati IDC che riguardano la regione EMEA

Non basterà il picco causato dalla quarantena in tutto il mondo, che ha costretto milioni di persone a passare una parte dei primi 6 mesi dell’anno chiusi in casa: il mercato dei notebook e PC gaming potrebbe comunque chiudere l’anno in calo.

Almeno questo è quello che emerge dallo studio di IDC, che ha analizzato le spedizioni dei dispositivi gaming – nel primo trimestre, ad esempio, il numero di unità totali è sceso a 1,6 milioni (-2,7% rispetto allo scorso anno).

LEGGI ANCHE: Apple abbandona Intel – i prossimi Mac avranno processori fatti in casa

Nel secondo trimestre, caratterizzato maggiormente dalla quarantena globale, ci si aspetta invece un recupero nell’ordine del +10,6% anno su anno. Anticipando però una seconda metà dell’anno debole, IDC si aspetta il computo totale del 2020 in calo del 2,4% rispetto al 2019.

Ad influire nel calo anche le console di nuova generazione previste a fine anno, PS5 e Xbox Series X, che renderanno i consumatori ancor meno propensi all’acquisto di notebook o PC da gaming, visto il budget limitato. Voi avete programmato di acquistare qualcosa?

Fonte: IDC