Le novità che ci attendono con i MacBook e Mac: tastiere con nuovo switch, processori ARM e nuovo chassis nel 2021

Vincenzo Ronca

Apple sta chiaramente lavorando ai nuovi MacBook e Mac che presenterà nel corso dei prossimi mesi e il solito e affidabile analista Ming-Chi Kuo ha esternato le sue previsioni in tal senso. Queste coinvolgono i prossimi MacBook e i processori dei nuovi Mac.

Secondo Ming-Chi Kuo Apple inizierà ad adottare i processori con architettura ARM sui suoi nuovi Mac e questo avverrà entro l’ultimo trimestre 2020, al massimo entro il primo trimestre 2021. La transizione chiaramente non sarà fulminea e semplice: per questo ci si aspetta che Apple la inizi a partire dai MacBook più entry-level, annunciandola in anticipo alla sua prossima Worldwide Developers Conference (WWDC) per dare tempo agli sviluppatori di applicazioni di adeguarsi.

LEGGI ANCHE: Ori and the Will of the Wisps, la recensione

L’incertezza relativa all’effettivo svolgimento della WWDC implica un intervallo temporale più ampio entro il quale Apple annuncerà la novità. Oltre alle questioni software, la casa di Cupertino sta progettando anche un aggiornamento importante dello chassis dei MacBook che verranno lanciati a partire dal 2021, al momento non sono noti particolari dettagli sulle eventuali novità strutturali.

In parallelo a tutto questo, sempre Ming-Chi Kuo indica che i dispositivi Apple con le nuove tastiere caratterizzate dallo switch a forbice potrebbero arrivare nella seconda parte di quest’anno. Abbiamo già parlato della nuova tipologia di switch, secondo Kuo le nuove tastiere potrebbero debuttare su MacBook Pro e MacBook Air attesi sul mercato nel corso del secondo trimestre 2020.

Kuo non ha indicato esplicitamente su quali varianti arriveranno le nuove tastiere con switch a forbice, probabilmente debutteranno su MacBook Pro da 14″, per poi estenderle al modello da 16″. Secondo l’analista entro la fine di marzo i fornitori di Apple non dovrebbero riscontrare particolari ostacoli a causa dell’epidemia da nuovo coronavirus e dunque la mela non dovrà ritardare i suoi nuovi MacBook.

Via: 9to5Mac, MacRumors