MacBook Pro 16″: ottima tastiera, non pensate di ripararlo e… Cos’è quel sensore? (foto e video)

Matteo Bottin -

Vi siete innamorati del nuovo MacBook Pro da 16″ grazie alla sua scheda tecnica e il suo design? Non vi resta vedere se sia bello anche dentro. Fortunatamente non dovrete spendere cifre stellari per scoprirlo: basta iFixit. Andiamo a vedere cosa hanno trovato.

Meglio non eseguire riparazioni fai-da-te

MacBook Pro 16″ non è adatto per riparazioni in casa. iFixit ha dato al nuovo portatile di casa Apple un indice di riparabilità di 1 su 10 (dove 10 è il voto migliore).

Certo, il trackpad può essere rimosso e sostituito facilmente, ma la gran parte dei componenti è saldata alla scheda madre (RAM compresa, tenetelo in considerazione se decidete di acquistarlo), tanta colla tiene fissi tastiera, batteria, altoparlanti e Touch Bar, rendendo difficoltosa la rimozione, e il sensore del Touch ID è fissato sulla scheda logica, complicando il tutto.

La batteria è effettivamente da quasi 100 Wh (99,8 Wh), rendendo possibile il volo con questo portatile. Questo aumento di capacità arriva direttamente da iPhone 11: ogni cella, anche se sembra identica ai modelli precedenti, è in media 0,8 mm più spessa.

 

Video smontaggio

Fortunatamente è tornata la tastiera “magica”

Prima della tastiera a farfalla c’era la “vecchia” Magic keyboard, (giustamente) lodata dai Mac users e vanto di casa Apple. Tuttavia, l’esperimento della tastiera a farfalla non è andato a buon fine, e dunque l’azienda ha deciso di tornare sui propri passi. E il risultato è stato ottimo.

La tastiera dei nuovi MacBook Pro da 16″ esteticamente sembra praticamente la stessa dei vecchi modelli (potete anche sostituire i keycaps con quelli delle vecchie Magic keyboard), e anche l’esperienza d’uso è molto simile. Il risultato è una tastiera con suono più flebile e un design molto più duraturo nel tempo rispetto agli switch a farfalla.

Non torneremo sulla questione dei problemi relativi alla tastiera della penultima generazione di MacBook Pro. Vi consigliamo di fare un salto al nostro articolo o nell’esaustiva spiegazione di iFixit.

E cos’è quel sensore?

MacRumors ha trovato uno strano sensore e un magnete sulla cerniera sinistra del display del nuovo MacBook Pro e, nel case, un sensore collegato ad un cavo flex. Di cosa si tratta?

In una nota di Apple ai propri Authorized Service Providers si parla di un sensore che misura l’angolazione del coperchio (lid angle sensor), il quale andrebbe ricalibrato ad ogni riparazione (usando un Toolkit particolare).

Ma a cosa servirebbe? Non lo sappiamo ancora, ma si suppone che possa essere usato per investigare, in fase di riparazione, come è stato aperto e chiuso il coperchio, forse per “scovare” utilizzi scorretti. Sarebbe un ottimo modo per sapere in maniera rapida la sollecitazione a cui sono stati sottoposti, nel tempo, i cavi dello schermo.

A meno che Apple non abbia intenzione di inserire nuove interessanti funzioni in MacOS. Cosa ne pensate? A cosa credete che serva questo nuovo sensore?

Fonte: iFixit (1), iFixit (2), iFixit (3), iFixit (4)
  • Ugo

    la butto lì: possibile che il sensore d’inclinazione serva a modificare la calibrazione del monitor a seconda dell’angolo di visione?

  • Alexander DeLarge

    Apple, per quanto riguarda le riparazioni fuori dai suoi centri autorizzati, è imbarazzante.
    Hanno acquistato la stragrande maggioranza delle aziende che producevano pezzi di ricambio per iPhone e iMac, solo perché non vogliono che tu ripari il tuo dispositivo.
    Hanno reso i componenti irreperiibli per costringere i loro clienti ad acquistare nuovi articoli o andare nei loro centri di riparazione.
    C’è un video interessante su YouTube. Hanno disconnesso un pin in un MacBook e lo hanno inviato per la riparazione. Letteralmente, un pin di un connettore (del monitor, per essere precisi) era scollegato. Non dissaldato, non spezzato, non mancante. SCOLLEGATO. Secondo un tecnico indipendente la riparazione non costerebbe NIENTE e si perderebbero a dir tanto 2 minuti di lavoro.
    Apple ha chiesto 1000 $ per la riparazione. Ascoltate attentamente l’elenco di ciò che il dipendente Apple vorrebbe far ‘riparare’.

    Qui, il video /watch?v=o2_SZ4tfLns