macOS 13 Ventura ufficiale: Stage Manager e Passkey guidano la carica delle novità

E poi Spotlight, Safari, Mail, Handoff ed anche il gaming
macOS 13 Ventura ufficiale: Stage Manager e Passkey guidano la carica delle novità
Nicola Ligas
Nicola Ligas

macOS 13 Ventura è stato annunciato al WWDC 2022, come ormai tradizione. La parola d'ordine quest'anno è produttività, ma le novità non si limitano annunciate sono tante, ed ancor di più quelle non viste.

Novità macOS 13

Apple ha svelato la novità principali di macOS 13 Ventura, ma siamo sicuri che il changelog completo riserverà ulteriori funzioni. In ogni caso vediamo subito su cosa si è concentrata l'azienda di Cupertino dal palco del WWDC.

  • Stage Manager: è un gestore di finestre come non ne avete mai visti. Raggruppa tutte le app in esecuzione in una colonna sul lato dello schermo, e vi permette di passare da una all'altra con un clic. Nel caso la stessa app abbia più finestre aperte, un successivo clic vi permetterà di scorrerle una ad una. Potete anche creare gruppi di app, in modo da passare velocemente da uno all'altro. L'immagine di copertina vi dà un'idea di come apparirà.
  • Spotlight: in macOS Ventura Spotlight trova immagini dal PC e dal web, con ricerca del testo eventualmente presente, e supporta l'anteprima rapida dei documenti trovati.
  • Mail: è possibile annullare l'invio di una email appena spedita, programmarne l'invio, ricevere avvisi su eventuali follow-up, ed anche posticiparla; inoltre la ricerca interna è stata incredibilmente potenziata rispetto alla precedente versione.
  • Safari: è sempre il browser più efficiente dal punto di vista energetico su macOS, ed ora ha una novità utile per i progetti condivisi, shared tab groups, che permette di condividere uno specifico gruppo di tab con amici selezionati, che possono a loro volta aggiungere nuove schede alla raccolta.
  • Passkey: il futuro di Apple senza password ha un nuovo nome. Quando c'è bisogno di generare una nuova password, è sufficiente usare il proprio medoto di autenticazione biometrica, senza scrivere alcuna password. Le passkey sono delle chiavi digitali univoche che rimangono sul dispositivo e non vengono mai archiviate sul web, in questo modo non possono essere intercettate né contraffatte in alcun modo. Si sincronizzano grazie al Portachiavi iCloud su Mac, iPhone, iPad ed Apple TV con crittografia end-to-end. Funzioneranno anche nelle app e sul web, e l'utente potrà fare il login in siti o app su dispositivi non Apple usando l'iPhone, tramite la scansione di un codice QR.
  • Gaming: apple ha presentato il MetalFX Upscaling, una sorta di suo DLSS, che sarà adottato per primo da No Man's Sky, in arrivo quest'anno su Mac, assieme anche a Resident Evil Village.
  • Continuity: face time adesso permette di passare automaticamente le chiamate da un dispositivo Apple all'altro, semplicemente avvicinandoli. Tramite un accessorio dedicato potete agganciare il vostro iPhone al Mac ed usarlo via wireless come webcam, sbloccando funzioni quali Inquadratura automatica, la modalità Ritratto, Luce set fotografico (illumina il volto dell'utente come se ci fosse una luce artificiale, sfocando lo sfondo) e Desk View, che sfrutta la grandangolare per mostrare in contemporanea il volto dell'utente e una vista dall'alto della sua scrivania.
  • Impostazioni di sistema: nuovo nome per le storiche Preferenze di Sistema, che rinnovano dopo anni il loro design, più in linea con quello di iPhone e iPad.
  • Testo attivo riconosce le scritte nelle immagini presenti in tutto il sistema, anche con i fotogrammi in pausa dei video e i testi in giapponese e coreano; il tutto con elaborazione on-device, senza che i dati lascino il vostro Mac.
  • Ricerca visiva riesce a riconoscere animali, uccelli, insetti, statue e ancora più monumenti.
  • Rapid Security Response: tra un update e l'altro del sistema operativo, macOS mantiene comunque le funzioni per la sicurezza costantemente aggiornate, senza dover riavviare il computer.

La compatibilità di macOS 13 Ventura è peggiore del previsto, dato che Apple sta iniziando a non supportare più i modelli Intel più vecchi. Ecco infatti quali Mac saranno compatibili con il nuovo sistema operativo, ed il confronto con il supporto offerto invece da macOS 12 Monterey.

  • MacBook Air: dal 2018 in poi (2015 Monterey)
  • MacBook Pro: dal 2017 in poi (2015 Monterey)
  • MacBook: dal 2017 in poi (2016 Monterey)
  • iMac Pro 2017
  • iMac: dal 2017 in poi (2015 Monterey)
  • Mac mini: dal 2018 in poi (2014 Monterey)
  • Mac Studio
  • Mac Pro 2019 (2013 Monterey)

Uscita

macOS 13 Monterey sarà rilasciato nell'autunno 2022, presumibilmente ad ottobre, in una data non ancora confermata dall'azienda. La prima beta per sviluppatori sarà disponibile da oggi, mentre per quella pubblica dovremo attendere luglio.

Segui l'argomento

Tutti gli articoli sull'argomento

Mostra i commenti