macOS: un bug durante l’importazione di foto con Acquisizione Immagine può riempire la memoria

Enrico Paccusse 1,5 GB di materiale in eccesso per ogni singola foto può finire ben presto per riempire la memoria

Ogni Mac arriva con l’applicazione Acquisizione Immagine preinstallata, utile per importare foto e video da altri dispositivi. Pare però che proprio questa applicazione nasconda un bug piuttosto fastidioso, capace di riempire la vostra memoria in breve tempo.

Il problema si verifica durante l’importazione di foto da iPhone o iPad tramite l’applicazione: disattivando l’opzione “Mantieni file originali” il programma convertirà le immagini in JPG e le trasferirà in automatico sul fisso.

LEGGI ANCHE: Recensione iPhone SE 2020, il distruggi Android

Se non fosse che, oltre a trasferire le immagini, trasferisce con esse una stringa di zero non necessari (scovati tramite la visualizzazione delle foto con Hex-Editor – foto in copertina) che aggiungono 1,5 MB di dati ad ogni singolo elemento importato.

Nessun problema se si tratta di poche foto, ma se ad esempio ci trovassimo ad importare un migliaio di foto, allora lo spazio aggiuntivo potrebbe ammontare ad 1,5 GB – una bella cifra per chi possiede MacBook da 128 GB.

Secondo l’articolo sul blog di NeoFinder, gli autori della scoperta hanno già avvisato Apple del fastidioso bug. Ora la palla passa agli sviluppatori di Cupertino.

Via: 9to5macFonte: NeoFinder