Microsoft e Intel insieme per combattere i malware che effettuano mining di criptovalute (video)

Vito Laminafra

La crescente popolarità delle criptovalute e del mining di esse ha fatto sì che gli hacker spostassero le loro attenzioni su questo campo: negli ultimi tempi infatti sono nati dei particolari malware che permettono di effettuare il mining utilizzando le risorse di migliaia di computer infettati, ovviamente in maniera del tutto trasparente per l’utente.

LEGGI ANCHE: Spotify scommette sulla monetizzazione dei podcast

Malware di questo tipo possono essere molto pericolosi nel caso in cui venga infettato un computer che si trova all’interno di una rete molto ampia: il malware potrebbe “installarsi” su tutti i dispositivi, causando un enorme danno. Per questo motivo, Intel e Microsoft hanno collaborato per cercare una soluzione che riesca a sbarazzarsi di questo genere di software malevolo utilizzando tecnologie di intelligenza artificiale.

Microsoft Defender for Endpoint potrà infatti creare un livello ulteriore di protezione di tutto il sistema: utilizzando un processore Intel con Hardware Shield in accoppiata con la tecnologia Threat Detection Technology, il sistema sarà in grado di esaminare il codice che viene eseguito dalla CPU e di riconoscere, grazie all’intelligenza artificiale e al machine learning, attività riconducibili al mining non autorizzato e il malware quindi potrà essere rimosso da Windows. Data la necessita della tecnologia Hardware Shield, saranno compatibili con questa funzionalità solo i processori Intel vPro.

Via: Anandtech