Microsoft Office 2019: da oggi inizia ad essere disponibile per Windows e Mac!

Matteo Bottin Arriverà per tutti, ma per la vendita al dettaglio mancano ancora "alcune settimane"

Dopo aver iniziato un periodo di preview ad aprile, finalmente Office 2019 comincia ad essere disponibile nella sua forma definitiva, sia su Windows che su Mac. L’aggiornamento è pensato per tutti coloro che non hanno sottoscritto un abbonamento ad Office 365.

Cosa troveremo nella nuova versione di Office? Per i clienti Office 365 ProPlus probabilmente non ci saranno novità di sorta, dato che Microsoft indica che Office 2019 integrerà al suo interno tutta una serie di aggiunte e miglioramenti che sono state incluse in Office 365 ProPlus negli ultimi 3 anni.

Tra le aggiunte, comunque, possiamo trovare animazioni migliorate su PowerPoint (con il Morph e lo Zoom), miglioramenti al supporto per il pennino, nuovi sistemi di analisi dei dati e sistemi di gestione dell’attenzione per focalizzarsi sui contenuti che importano davvero senza distrarsi.

Ovviamente anche i server di Microsoft si adatteranno al cambiamento: nelle “prossime settimane” verranno rilasciati anche Exchange Server 2019, Skype for Business Server 2019, SharePoint Server 2019 eProject Server 2019.

Come al solito, Office 2019 è un pacchetto “statico”: la versione rilasciata non riceverà aggiornamenti con funzionalità aggiuntive. Al suo interno troviamo le nuove versioni di Word, Excel, PowerPoint, Outlook, Project, Visio, Access e Publisher (questi ultimi 4 solo su Windows).

LEGGI ANCHE: A 10 anni dalla sua nascita, Android ha raggiunto l’88% del mercato

Per chi ha paura che questa sia l’ultima versione “non basata sul cloud” di Office, vogliamo rassicurarvi: Microsoft continuerà a produrre queste versioni perché “ogni cliente è in un punto diverso nell’adozione delle tecnologie cloud”. Da oggi Office 2019 è disponibile per le licenze di volumi commerciali, mentre per tutti gli altri (ovvero: noi comuni consumatori) la disponibilità è fissata per le “prossime settimane”.

Via: The VergeFonte: Microsoft