Microsoft sta lavorando al supporto alle app 64-bit su ARM, ma ci sarà ancora molto da aspettare

Matteo Bottin

Se ne parla da un po’: Microsoft sta lavorando per portare il supporto alle app a 64-bit sui PC Windows 10 con piattaforma ARM. Questi PC, infatti, possono eseguire app native ARM (ARM e ARM64) e riesce ad emulare app x86 a 32-bit. La limitazione dei 64-bit, in alcuni casi, è importante: programmi molto famosi (come Adobe Premiere Pro) è disponibile solo in versione 64-bit.

Una nuova voce arriva da Neowin: Microsoft sta realmente lavorando a portare un emulatore di app x64 su ARM, ma ci sarà ancora da aspettare. Secondo la fonte di Neowin, infatti, questa funzionalità potrebbe arrivare con Windows 10 21H1, ovvero nella prima metà del 2021. Gli insider, tuttavia, potranno iniziare a provare l’emulatore già dal prossimo anno.

LEGGI ANCHE: Apple si appresta a diventare il leader del mercato 5G nel 2020?

L’emulazione dei 64-bit porta alla luce alcuni problemi: per alcuni emulare una applicazione di questo tipo comporta una riduzione marcata delle prestazioni, e la stessa app in versione 32-bit dovrebbe girare meglio. In ogni caso, la strada è ancora lunga, quindi è inutile fare supposizioni ora.

Fonte: Neowin