Le app Android si potranno usare in remoto su Windows 10: Microsoft avvia i test beta

Vezio Ceniccola - Grazie ad una nuova funzionalità di mirroring dello schermo, gli utenti Android potranno usare i propri dispositivi sul sistema di Microsoft

Cosa pensereste se vi dicessimo che potrete presto utilizzare le app Android su Windows 10? Anche se sembra una frase quasi incredibile, questa magia sta per avvenire realmente, grazie al nuovo aggiornamento sperimentale dell’app Il tuo telefono che permetterà di fare il mirroring dei dispositivi Android sullo schermo del proprio PC Windows.

Microsoft lavora a questa funzionalità sin dallo scorso maggio, ma solo nelle ultime settimane ha deciso di farla provare ai suoi utenti. A partire da questa settimana, il nuovo aggiornamento in versione beta per l’app Il tuo telefono sarà disponibile per gli utenti Windows Insiders, che saranno i primi a poter sperimentare il mirroring tra Android e Windows.

Il funzionamento dovrebbe essere abbastanza semplice: collegando il proprio smartphone Android al PC, sullo schermo del computer si può visualizzare una lista delle app installate. Cliccando su una delle app è possibile utilizzarla in remoto, dunque tutto il funzionamento avviene sullo smartphone sfruttando la potenza e i dati contenuti al suo interno.

Come da previsioni, ci sono molte limitazioni al momento. Il mirroring sarà disponibile solo per i PC dotati della versione 1803 o successive di Windows 10 e della connettività modalità Bluetooth Low Energy, ma soprattutto sarà possibile solo con pochissimi smartphone Android: al momento sono supportati solo i Samsung Galaxy S8/S8+ e Galaxy S9/S9+.

LEGGI ANCHE: Buon compleanno WWW!

Nei prossimi mesi le funzionalità del mirroring dei dispositivi Android saranno ulteriormente estese e ci saranno tanti nuovi dispositivi supportati. Come detto, per adesso la novità integrata nell’app Il tuo telefono è ancora in fase sperimentale, quindi sarà necessario un po’ di tempo prima che possa essere rilasciata per tutti gli utenti Windows.

Via: The VergeFonte: Microsoft