Occhio alle impostazioni predefinite di Windows 11, se volete giocare

Occhio alle impostazioni predefinite di Windows 11, se volete giocare
Vito Laminafra
Vito Laminafra

Il rilascio di Windows 11 è sempre più vicino ed il sistema operativo di Microsoft si prepara ad essere ancora una volta il punto di riferminto per quanto riguarda il gaming su PC: questa volta però sarebbe meglio prestare attenzione alle impostazioni di default di Windows prima di catapultarsi in gioco, poiché le presetazioni potrebbero non essere all'altezza dell'hardware.

Il problema sta tutto nell'attivazione di Virtualization-Based Security (VBS), un'opzione del sistema generalmente utilizzata da utenti enterprise che "utilizza le funzionalità di virtualizzazione dell'hardware per creare e isolare un'area di memoria sicura dal normale sistema operativo": in sostanza, crea una sorta di "zona sicura" all'interno del PC per garantire maggiore sicurezza agli utenti.

In un post di fine agosto, Microsoft ha dichiarato "in collaborazione con i nostri partner OEM, abiliteremo VBS e HVCI sulla maggior parte dei nuovi PC nel corso del prossimo anno. E continueremo a cercare opportunità per espandere VBS su più sistemi nel tempo". Gli utenti che dunque dovranno preoccuparsi di disattivare VBS sono solo quelli che acquistano un PC con preinstallata una versione di Windows 11 o per chi esegue un'installazione pulita (anche se in quest'ultimo caso non è detto che VBS venga attivato di default per tutti gli utenti): chi effettua l'aggiornamento da Windows 10 dovrebbe essere "salvo".

PC Gamer ha evidenziato come l'aver attivato VBS possa ridurre il framerate fino al 28%: in alcuni titoli, come Far Cry New Dawn, si nota una riduzione del framerate del 5%, mentre in titoli come Horizon Zero Dawn, Metro Exodus e Shadow of the Tomb Raider abbiamo rispettivamente un framerate ridotto del 25%, 24% e 28%.

È bene ricordare che VBS non riduce le performance dell'intero sistema, che anzi continua ad essere eseguito senza particolare problemi. Ad ogni modo, per verificare l'attivazione o meno di questa opzione basta premere il tasto Win, cercare MSInfo32 e scorrere tutta la schermata. Per quanto riguarda la disattivazione, sarà necessario attendere che Windows 11 arrivi in versione stabile.

Via: PC Gamer

Commenta