Pandemia e mercato PC europeo: crescerà un po’, ma per poco

Matteo Bottin IDC ha stimato l'andamento del mercato PC nella seconda parte del 2020 (e oltre)

International Data Corporation (IDC) ha da poco pubblicato i risultati di una sua ricerca riguardante l’andamento del mercato PC (notebook, desktop e workstation) nell’area europea. L’effetto della pandemia in corso vedrà una crescita della domanda nel secondo trimestre del 2020, seguito da una seconda metà dell’anno in netto declino.

Secondo i dati di IDC, nel 2020 verranno spediti 68,3 milioni di PC, con una variazione YoY (anno su anno) del -6,3%. La causa è chiara: la pandemia dovrebbe portare ad una recessione che colpirà maggiormente della seconda metà dell’anno e porterà ad una riduzione della domanda di PC. La crescita nel Q2 2020 è dovuta, invece, ad un completamento degli ordini in sospeso del trimestre precedente.

LEGGI ANCHE: Mercato smartphone: secondo IDC, è in arrivo il peggior trimestre degli ultimi 14 anni

In particolare, la richiesta di notebook avrà una crescita a doppia cifra nel Q2 2020 a causa di tutti gli studenti e lavoratori che dovranno compiere le loro attività restando a casa. La crescita totale in questo trimestre (dell’intero settore) sarà del 8,7% YoY.

E negli anni a venire? La situazione non cambierà molto: certo, secondo IDC si vedrà una crescita degli ultrabook e convertibili e una riduzione dei PC e notebook tradizionali, ma nel complesso le spedizioni potrebbero variare solamente del -0.1% CAGR fino al 2024.

Fonte: IDC