Le certezze della vita vacillano: non è più necessaria la Rimozione Sicura per le chiavette USB

Lorenzo Delli

La “Rimozione Sicura dell’hardware a espulsione“, così viene chiamata da Microsoft in Italia su Windows 10, non è più necessaria. Tutti i meme, le eterne battute e quel gesto che oramai risulta spontaneo quando si ha a che fare con un sistema di archiviazione di memoria USB spariscono come lacrime nella pioggia.

La conferma arriva direttamente da Microsoft e si fa ovviamente riferimento all’ultima versione del sistema operativo per PC, Windows 10. Per la precisione dalla versione 1809 di Windows 10 sono cambiate le policy di gestione dei supporti di memorizzazione esterni. Adesso è in funziona una feature denominata “Quick Removal” che di fatto permette di rimuovere chiavette e hard disk USB in qualsiasi momento (tranne quando ci state scrivendo sopra, ovviamente). Quick Removal sostanzialmente impedisce a Windows di provare continuamente a scrivere sui supporti di memorizzazione.

Windows defines two main policies, Quick removal and Better performance, that control how the system interacts with external storage devices such as USB thumb drives or Thunderbolt-enabled external drives. Beginning in Windows 10 version 1809, the default policy is Quick removal.

In earlier versions of Windows the default policy was Better performance.

Dalla versione 1809 Quick Removal è la policy di default. La “Rimozione Sicura dell’hardware a espulsione” non dovrebbe quindi essere più necessaria. In teoria è già da ottobre che è così, ma a quanto pare solo in questi giorni Microsoft sta confermando la presenza di tale feature. La pagina help relativa proprio alla policy di espulsione di supporti di memoria esterna è stata aggiornata il 4 aprile. Ovviamente è possibile riattivare la precedente policy, ma d’altronde chi è che ha davvero tempo per la rimozione sicura di questi tempi?

Via: The VergeFonte: Microsoft Support