Samsung 860 EVO e PRO nei nostri benchmark: come si comportano i nuovi SSD? (foto)

Cosimo Alfredo Pina -

I nuovi SSD Samsung 860 EVO ed 860 PRO sono stati svelati giusto pochi giorni fa. Si tratta di un’interessante introduzione da parte della casa coreana, che dopo due anni e mezzo torna ad aggiornare le soluzioni di archiviazione veloce per la fascia consumer, pensate quindi per i desktop (o notebook) da gioco o lavoro.

Riuscirà questa nuova iterazione di uno degli SSD più apprezzati, il serie 850, a riproporre la stessa formula vincente? Vedremo nei prossimi mesi come procederà la sfida, che si prospetta ardua poiché le alternative di altri marchi con lo stesso target e rapporto prestazioni/prezzo non sembrano mancare.

Intanto fatevi un’idea di come si comportano nei test sintetici con la nostra prova qua sotto della variante 860 EVO da 500 GB e della 860 PRO da 512 GB, entrambi nel formato da 2,5″.

Scheda tecnica

Prima di procedere nel riportarvi la nostra esperienza, rivediamo la scheda tecnica di questi SSD dove le differenze tra le due varianti sono da ricercare principalmente sui dati scrivibili (TBW, terabyte scrivibili), quindi la durata sul lungo termine dei dischi, peraltro uno dei punti di forza di questa nuova generazione rispetto alle precedenti.

860 PRO 860 EVO

Interfaccia

SATA 6 Gbps

Fattore di forma

2,5 pollici

2,5 pollici, mSATA, M.2

Memoria di archiviazione

Samsung V-NAND 2bit MLC

Samsung V-NAND 3bit MLC

Controller

Controller Samsung MJX

Memoria cache

LPDDR4 4 GB (4 TB)

LPDDR4 2 GB (2 TB)

LPDDR4 1 GB (1 TB)

LPDDR4 512 MB (256/512 GB)

LPDDR4 4 GB (4 TB)

LPDDR4 2 GB (2 TB)

LPDDR4 1 GB (1 TB)

LPDDR4 512 MB (250/500 GB)

Capacità

4 TB, 2 TB, 1 TB, 512 GB,       256 GB

[2,5 pollici] 4 TB, 2 TB, 1 TB, 500 GB, 250 GB

[M.2] 2 TB, 1 TB, 500 GB, 250 GB [mSATA], 1 TB, 500 GB, 250 GB

Vel. lettura/scrittura sequenziale

Fino a 560/530 MB/s

Fino a 550/520 MB/s

Vel. lettura/scrittura casuale (QD32)

Max. 100.000 IOPS/               90.000 IOPS

Max. 98.000 IOPS/90.000 IOPS

Modalità Device Sleep

2,5 mW per 1 TB

(fino a 7 mW per 4 TB)

2,5 mW per 1 TB

(fino a 8 mW per 4 TB)

Software di gestione

Software Magician per la gestione SSD

Byte totali scritti

4 TB: 4.800 TBW

2 TB: 2.400 TBW

1 TB: 1.200 TBW

512 GB: 600 TBW

256 GB: 300 TBW

4 TB: 2.400 TBW

2 TB: 1.200 TBW

1 TB: 600 TBW

500 GB: 300 TBW

250 GB: 150 TBW

Garanzia 5 anni o fino a 4.800 TBW

5 anni o fino a 2.400 TBW

Confezione

La confezione dei nuovi SSD Samsung riprende quella degli 850 e dei prodotti simili. Stiamo quindi parlando di una piccola scatola di cartone con all’interno il disco protetto da un imballo di plastica rigida e accompagnato da un piccolo manuale. Mancano viti, cavi o adattatori a slot da 3,5″, quindi tenetelo a mente nell’eventuale momento dell’acquisto. Nella galleria qui sotto le confezioni in dettaglio.

Samsung 860 EVO e PRO: benchmark e confronto con 850 EVO

Come detto abbiamo avuto modo di sottoporre le varianti da 2,5″ dei Samsung 860 EVO e PRO, rispettivamente da 500 e 512 GB. Nei benchmark (CrystalDiskMark, ATTO, Samsung Magician) abbiamo riscontrato valori non distanti da quelli dichiarati dal produttore. In lettura/scrittura sequenziale, il dato più leggibile e confrontabile quando si parla di SSD,  l’860 PRO ha registrato valori intorno ai 560/530 MB/s, mentre l’860 EVO dati simili anche se mediamente un po’ inferiori.

Anche rispetto ad un 850 EVO non ci sono differenze sostanziali da registrare. Quindi anche gli 860 si rivelano come dischi perfetti per PC gaming e postazioni di lavoro con carichi medio alti (es. editing di foto e video).

I nuovi 860 non rivoluzioneranno il settore, del resto siamo anche molto vicini ai limiti teorici del SATA, ma portano una gradita evoluzione su una linea già apprezzata, con il vantaggio di un po’ di performance in più, tempi di vita sulla carta raddoppiati e tagli che raggiungono ben i 4 TB. Peccato per la garanzia che per i PRO scende a cinque anni.

Chi ha un 850 difficilmente troverà vantaggi concreti nell’aggiornare, ma chi invece deve acquistare un nuovo SSD (sotto più informazioni su prezzi e disponibilità) troverà negli 860 alternative più che valide. A seguire i risultati dei nostri benchmark effettuati su un desktop configurato con Intel Core i7 6700, 16 GB di RAM DDR4 a 3.000 Mhz e scheda madre ASUS H170-Pro (qua la scheda completa).

Samsung 850 EVO

Samsung 860 EVO

Samsung 860 PRO

Prezzo e acquisto

Al momento della scrittura di questa prova gli SSD Samsung in questione non sono ancora disponibili sul mercato italiano. Il lancio è però avvenuto pochi giorni fa e non dovrebbe volerci molto prima di vederli sui principali shop online. In termini di prezzi vi ricordiamo che l’860 PRO da 256 GB è stato lanciato a 159,26€ mentre l’860 EVO da 256 GB a 113,99€. Si tratta di cifre tutto sommato in linea con il mercato e che vanno a ricoprire la stessa fascia finora occupata dagli 850.

Aggiornamento05/01/2018 ore 11:05

Iniziano ad apparire sugli store online i primi serie 860. I prezzi sono ancora più alti rispetto a quelli di lancio, ma sarà questione di poche settimane prima di vederli scendere. Qua sotto vi lasciamo un rimando ad Amazon ed ePRICE, store dove trovate sia le versioni EVO sia PRO fino ad un 1 TB.

Foto