Lo split-screen arriva nella modalità tablet di Chrome OS

Leonardo Banchi -

 

Chrome OS è ormai sempre più spesso associato a computer portatili dalla forma tradizionale, e spesso si dimentica che esistono invece molti validi esemplari di 2-in-1, capaci di nascondere la tastiera (o di separarsi da essa) e trasformarsi in veri e propri tablet.

Sembrava essersene scordata perfino Google, che dopo avere un po’ tralasciato lo sviluppo della modalità tablet ha oggi rilasciato un aggiornamento (ancora solo per gli sviluppatori) che porta finalmente su di essa lo split-screen.

LEGGI ANCHE: Google lancia Chrome Enterprise per il mondo aziendale

Fino ad adesso, infatti, un’applicazione aperta con il computer in modalità tablet avrebbe occupato necessariamente l’intero schermo, senza possibilità di ridimensionarsi: un fatto decisamente curioso, visto che ormai da tempo la possibilità di utilizzare lo schermo in modo diviso è stata introdotta persino in Android.

Per sfruttare la nuova funzionalità potete abilitare la modalità sviluppatori sul vostro Chromebook, e poi attivare manualmente il flag -enable-tablet-splitview. Completata questa operazione, potrete premere il pulsante dell’overlay per vedere tutte le finestre aperte, e trascinare quelle che volete affiancare verso i bordi del dispositivo.

Naturalmente non si hanno ancora informazioni su quando questa modalità sarà attivata di default su Chrome OS, ma dato che si tratta di un notevole passo in avanti rispetto alla situazione attuale non possiamo che augurarci che accada nel più breve tempo possibile.

Via: Androidpolice