Guai per Spotify: la pubblicità è infestata dai malware

Guai per Spotify: la pubblicità è infestata dai malware
CosimoAlfredo Pina
CosimoAlfredo Pina

Uno dei maggiori punti di forza di Spotify, rispetto agli altri servizi di streaming musicale, è il fatto di permettere l'ascolto gratuito del suo catalogo, a patto di sorbirsi di tanto in tanto un po' di pubblicità.

Proprio alcuni utenti di Spotify Free da desktop starebbero però avendo qualche problema con l'app ufficiale, almeno questo è quanto riportato sul forum di supporto ufficiale e da diversi utenti su Twitter. Ad essere coinvolti sembrano un po' tutti i sistemi, ossia Windows, Mac e Linux.

Gli utenti accusano che durante la riproduzione Spotify aprirebbe pagine web non desiderate e anzi che ospitano malware, al pari dei peggiori software di dubbia provenienza. Spotify ha comunque già annunciato di essere all'opera per investigare ed eventualmente risolvere la questione. Tra l'altro questa non è la prima volta che accade qualcosa del genere.

Nel 2011 Spotify chiese pubblicamente scusa per aver mostrato pubblicità malevola sulla sua piattaforma di streaming. In quella occasione risolse il problema molto velocemente e siamo certi che anche questa volta il colosso dello streaming musicale non sarà da meno. Nel frattempo potete ricorrere all'interfaccia web o evitare di aprire l'app in attesa di un fix.

Commenta