Come sta la batteria del vostro PC? Ecco come generare un report dettagliato su Windows 10 (foto)

Vincenzo Ronca

Uno degli aspetti fondamentali di tutti i dispositivi elettronici, e in particolare di quelli mobili, è la batteria e la relativa autonomia. Questa ci permette di lavorare o studiare in mobilità e programmare le nostre giornate, e pertanto rappresenta un’importante discriminante anche in sede di scelta del dispositivo da acquistare. Oltre a quella degli smartphone, anche quella dei PC portatili riveste un certo interesse.

La guida che segue vi mostrerà come controllare nel dettaglio lo stato di salute della batteria del vostro PC Windows 10, sfruttando un tool che è presente nativamente da diverso tempo su Windows. Di seguito elenchiamo i passaggi:

  1. Premere simultaneamente i pulsanti Windows e X sulla tastiera e selezionare l’opzione Command Prompt (Admin) o Windows PowerShell (Admin).
  2. Nella finestra che si apre digitare il comando powercfg /batteryreport e premere Invio.
  3. Dopo pochi secondi dovreste vedere il messaggio di conferma del completamento. La descrizione riporterà anche il percorso al quale è stato salvato il report in formato HTML. Di default verrà salvato al percorso C:\WINDOWS\system32\battery-report.html.
  4. Una volta completata la generazione del report recatevi nella cartella di salvataggio e aprite il report con un browser web.
  5. Il report vi mostrerà delle informazioni generali sullo stato della batteria, tra le quali la massima capacità nominale e quella attuale. Se avete il PC da qualche tempo, presumibilmente la capacità attuale sarà ridotta rispetto a quella nominale.
  6. Scorrendo verso il basso troverete uno storico dei cicli di carica e scarica negli ultimi 3 giorni.
  7. Altro parametro interessante sono i battery drain nelle ultime 72 ore.
  8. Quindi troverete la cronologia delle durate della batteria nel corso degli anni in cui avete usato il PC.
  9. Altro parametro interessante è l’andamento della capacità massima attuale in parallelo a quella nominale.
  10. Infine, troverete il parametro che indica l’autonomia stimata attuale in rapporto a quella stimata a inizio vita della batteria.

Le considerazioni che si possono fare leggendo il report sono diverse, la più banale consiste nell’analisi della capacità nominale rispetto a quella attuale. Altri spunti potete trovarli dall’analisi dei drain, così come dall’andamento della scarica nei vari stati del PC. Fateci sapere anche le vostre di considerazioni.