Storia di un ecosistema: Samsung Galaxy (Chromebook Go)

Storia di un ecosistema: Samsung Galaxy (Chromebook Go)
 Redazione
Redazione

In collaborazione con Samsung

Prendete due dispositivi molto diversi: uno smartphone con Android, magari un bel pieghevole, come l'elegante Samsung Z Flip 3, ed un notebook con Chrome OS, come il Chromebook Go, sempre di Samsung. Cosa lì unisce? Il prefisso "Galaxy", al quale ormai siamo così abituati da darlo quasi per scontato, eppure è proprio l'ecosistema la vera forza dell'azienda coreana.

Ed il modo nel quale questi due dispositivi comunicano semplicemente tra loro è disarmante. Al primo avvio il Chromebook Go vi chiede poche cose: una rete Wi-Fi a cui collegarsi, qualche consenso per i vari accordi di licenza, ed un account Google per eseguire il login.

Nel giro di un minuto sarete pronti ad utilizzarlo, e tramite la funzione Phone Hub, con letteralmente un paio di clic, potrete associare il vostro Galaxy Z Flip 3 (o qualsiasi altro smartphone Samsung), al Chromebook: sarà lui a riconoscere automaticamente gli smartphone in vostro possesso, e a proporvi l'accoppiamento.

In questo modo non solo potrete usare l'hotspot del telefono per navigare dal portatile in qualsiasi momento, ma avrete anche la condivisione delle notifiche e degli SMS, che potrete inviare e leggere senza nemmeno tirare lo smartphone fuori dalla tasca. 

PhoneHub sta facendo squillare il Galaxy Z Flip 3

Come potete vedere dal dettaglio qui sopra, PhoneHub permette di avere sempre sotto controllo il telefono associato: potete farlo squillare, metterlo in modalità silenziosa, conoscerne lo stato di carica e vedere le ultime schede aperte da Chrome sullo smartphone. Se il telefono è con voi, potete utilizzarlo per sbloccare il Chromebook in tutta sicurezza, e di fatto non dovrete nemmeno tirarlo fuori di tasca per la maggiore parte dei compiti.

E per condividere la volo contenuti tra i due, c'è la funzione condivisione nelle vicinanze, che istantaneamente ed in tutta sicurezza vi permette di scambaire foto, video, e qualasiasi tipo di file tra il ChromeBook Go e lo smartphone Samsung Galaxy.

E laddove l'integrazione tra due dispositivi non basti, arriva SmartThings. SmartThings è la piattaforma di domotica di Samsung, che permette di controllare tutti i dispositivi domestici connessi, sincronizzandone le informazioni con il cloud dell'azienda, in modo che siano sempre raggiungibili anche quando siete fuori casa.

TV, elettrodomestici, sensori, condizionatori: qualsiasi cosa vada in rete, ci sono buone probabilità che possa interfacciarsi con SmartThings. E la comodità maggiore è che tramite l'app per smartphone, che è presente anche su Chromebook Go, avrete sempre a portata di mano tutti i controlli e le opzioni disponibili per ciascuno di essi. Non sapete dove avete messo il telecomando del televisore? Nessun problema: lo potete controllare direttamente dal Galaxy Z Flip 3 o anche dal Chromebook Go, che diventerà il telecomando più grande che abbiate mai avuto. E questo è solo un banale esempio di come dispositivi tanto diversi possano comunicare tra loro.

E per chiudere il cerchio mancava una sola cosa: la voce. Con Bixby 2.0 potete dialogare con la voce con i dispositivi connessi a SmartThings e comandarli come se aveste l'app aperta tra le vostre mani: utilissimo in tutte quelle occasioni nelle quali foste impegnati a fare altro, o anche solo per una comunicazione più rapida e immediata. Potete anche scattare un selfie senza nemmeno aprire il Flip: basta una parola. Guardare per credere!

Mostra i commenti