Surface modulari e in versione “pocket”: Microsoft sogna in grande, ma vedremo mai nulla di concreto?

Matteo Bottin

Microsoft ha appena presentato i nuovi Surface Pro 6, Surface Laptop 2, Surface Studio 2 e le Surface Headphones, tutte pensate per incastrarsi nell’ecosistema hardware e software di Windows 10. Ma i piani non si fermano qui, perché l’azienda sta sognando più in grande, con nuovi prodotti all’orizzonte. Certo, ma quanto è distante l’orizzonte? A questa risposta non sa rispondere nemmeno Microsoft stessa.

Panos Panay, chief product designer di Microsoft, è stato intervistato da The Verge riguardo la nuova linea di prodotti presentata. In questa chiacchierata c’è stato spazio anche per il futuro. Panay ha detto si star sognando un Surface “tascabile” da anni. Il Surface Phone è un prodotto del quale se ne parla ormai da tempo immemore, ma nulla di concreto è ancora stato presentato. Probabilmente non lo vedremo ancora per qualche anno:

Noi inventeremo e creeremo quando i prodotti saranno maturi. Non possiamo portare nuove categorie in un mondo nel quale i consumatori non se ne farebbero nulla.

We will invent and we will create when products are right. We can’t bring new categories into the world and not be a place where customers need it.

Panos Panay

Oltre a questo, Panay strizza l’occhio anche a Surface Studio modulari: alcuni componenti potrebbero essere inseriti in “cartucce” removibili per cambiare in pochi secondi le specifiche del sistema. In questo momento secondo Panay c’è “molto lavoro da fare” guardando alle possibili evoluzioni della categoria, ma non vuole scendere nei dettagli e nemmeno lasciarci il “contentino”.

LEGGI ANCHE: Surface Studio 2 arriverà in Italia “nella prima parte del 2019”

Microsoft sta quindi sognando in grande, ha molte idee di prodotto per il futuro ma sta aspettando il momento migliore per lanciarle. Probabilmente un Surface Studio modulare potrebbe essere lo step “evolutivo” più prossimo a noi, mentre il Surface Phone sembra talmente una chimera da darci poche speranze. Cosa preferireste?

Via: The Verge (1), The Verge (2)