Microsoft presenta Sets: tab in stile Edge integrati in tutti i programmi Windows 10 (aggiornato)

Edoardo Carlo Ceretti In arrivo per gli utenti Insider per una prima fase di test pubblico.

Nonostante le novità del Fall Creators Update abbiano già raggiunto oltre il 20% dei PC Windows 10, Microsoft guarda già al futuro, alzando il sipario su Sets, una nuova funzione in fase di sperimentazione che sarà a breve disponibile per gli utenti Insider.

Si tratta di una nuova modalità a tab – del tutto simile nell’aspetto e nel funzionamento al browser Edge – che verrà integrata nei vari programmi per Windows 10 e che consentirà di condensarli in un’unica finestra, appunto suddivisa in tab. Per una prima dimostrazione delle modalità di utilizzo di Sets, Microsoft ha diffuso un video in cui immagina gli strumenti utilizzati da uno studente per portare a termine una ricerca sui vulcani.

Dopo aver aperto una nuova pagina Word e scritto intestazione e titolo, lo studente potrebbe avere bisogno di consultare alcuni appunti salvati su OneNote. Grazie a Sets, per farlo non dovrà aprire un altro programma, ma sarà sufficiente creare un nuovo tab, che presenterà una schermata di benvenuto simile a quella di Edge, in grado di ospitare scorciatoie per i programmi più utilizzati, oltre ad una barra di ricerca per il web e per i contenuti salvati nel PC e nel proprio account Microsoft.

Così facendo, sarà possibile aprire in rapida successione OneNote, una ricerca su Bing, un sito web, una presentazione PowerPoint e qualsiasi altro contenuto ci serva in quel momento. Sets è dunque una funzione interessante, potenzialmente molto utile, ma soprattutto scaltra, perché basa il proprio funzionamento su una modalità di cui tutti noi abbiamo ormai anni di esperienza alle spalle, ovvero la navigazione su un browser web. Cosa ve ne pare di questa futura novità sui PC Windows 10?

Aggiornamento09/05/2018 ore 18:20

Dopo aver presentato la funzione lo scorso mese di novembre, Microsoft è tornata a parlare di Sets in occasione del Build 2018 tenutosi in questi giorni. Il gigante di Redmond ha mostrato i progressi di questa nuova impostazione del sistema operativo, che tuttavia rimane ancora disponibile soltanto per gli utenti Insider. È probabile che per la vera e propria implementazione occorrerà attendere il prossimo major update di Windows 10.


Via: XDA Developers, The VergeFonte: Windows Insider