Windows 10 usa il machine learning per evitare di farvi innervosire

Vincenzo Ronca L'algoritmo di machine learning servirà ad evitare l'installazione degli aggiornamenti durante l'utilizzo del PC

L’installazione degli aggiornamenti di Windows 10 può rivelarsi un’operazione lunga e snervante, soprattutto nelle situazioni in cui si stava utilizzando il PC o si ha bisogno di usarlo in breve tempo. Microsoft ha già introdotto la funzionalità per posporre l’esecuzione degli aggiornamenti e, ultimamente, ha annunciato di aver implementato un algoritmo di machine learning specifico per evitare questo tipo di disagio per gli utenti.

La decisione di Microsoft deriva dalle diverse lamentele giunte dagli utenti di Windows: il modello predittivo collegato all’algoritmo usa il machine learning per determinare se l’utilizzatore sta effettivamente usando il dispositivo e quindi scegliere il momento giusto per riavviarlo ed installare gli aggiornamenti software.

LEGGI ANCHE: le migliori novità di Netflix di agosto

Stando a quanto affermato dal team che l’ha sviluppato, il modello sarà in grado non soltanto di determinare se si sta usando il PC ma anche se si tratta di una pausa momentanea dall’utilizzo, come ad esempio durante la pausa caffè.

Il modello di predizione annunciato da Microsoft è stato “allenato” con i dati presenti sul cloud facendo registrare risultati promettenti. Ora esso verrà integrato nelle versioni Windows 10 relative al programma Insider.

Via: The Verge
  • Giàgioggiola

    Di questo passo useranno il microfono del PC per capire dall’intensità e dalla durata del getto d’acqua del WC, il tipo di bisogno espletato, e di conseguenza determinare quanto tempo impiegheremo prima di tornare al PC 🙂