Wine 3.0 porta le app Windows più vicine a tutte le altre piattaforme, Android incluso

Nicola Ligas

La versione 3.0 di Wine, il celebre (non) emulatore di applicazioni Windows su altri sistemi operativi, è da poco stata rilasciata, e promette novità non solo sui sistemi desktop, ma anche su Android.

Wine 3.0 supporta infatti le librerie grafiche Direct3D 10 ed 11 (Direct3D 12 e Vulkan sono attualmente in lavorazione), il che significa supporto ad un maggior numero di schede grafiche e miglioramenti generali sul campo delle performance e della resa visiva.

È disponibile anche una versione di Wine per Android, sia per sistemi basati su processori Intel che ARM (le trovate già compilate sul sito ufficiale). Sui primi è possibile eseguire app Win32, mentre sui secondi  è possibile eseguire soltanto applicativi Windows RT, ovvero pensati per girare su processori ARM.

LEGGI ANCHE: Tutto sui Pixel 2

Prima o poi dovrebbe anche arrivare il supporto a QEMU, che consentirebbe ad uno smartphone ARM di emulare l’architettura x86, permettendo quindi di eseguire sulla maggior parte degli smartphone e dei tablet Android tutte le app Windows, ma il supporto a QEMU è ancora in lavorazione, quindi è troppo presto per parlarne.

Potete quindi scaricare i binari di Wine 3.0 per Debian, Ubuntu, Fedora, SUSE, Slackware, macOS, FreeBSD e altri sistemi operativi desktop, oppure compilarlo direttamente dai sorgenti per una maggiore ottimizzazione.

Via: LiliputingFonte: Josh Umax