Sul Chrome Web Store circolava un AdBlock Plus contraffatto: siete caduti nella sua trappola? (foto)

Edoardo Carlo Ceretti

Ancora guai riguardanti la sicurezza informatica per Google. Dopo i recenti problemi creati da alcune app Android regolarmente pubblicate sul Play Store e contenenti pericolosi malware, questa volta ad essere colpito è il Chrome Web Store, ovvero lo store ufficiale da cui scaricare le estensioni per il browser di Google.

Il caso è montato dopo che un utente Twitter, chiamato SwiftOnSecurity, ha pubblicato alcuni tweet al vetriolo scagliandosi contro Google stessa, rea di aver permesso la pubblicazione sul suo store di un’estensione omonima di una delle più celebri disponibili per Chrome, ma con intenti malevoli. Infatti, un’estensione chiamata AdBlock Plus – esattamente come il celebre servizio che consente di bloccare le pubblicità indesiderate – ha per qualche tempo circolato indisturbata sul Chrome Web Store, traendo in inganno più di 37 mila utenti.

LEGGI ANCHE: Il recente attacco informatico a CCleaner

Questa estensione però non si comportava come gli utenti si sarebbero aspettati, bensì inviava loro tonnellate di pop-up contenenti pubblicità indesiderate. Questo attacco spam, oltre a creare problemi agli ignari utenti, ha finito per ledere l’immagine stessa del vero AdBlock Plus, che annovera più di 100 milioni di utenti in tutto il mondo.

Google ha poi prontamente rimosso l’estensione contraffatta (potete riconoscerla dal nome del suo sviluppatore, ovvero AdBlock Plus, invece di adblockplus.org), ma deve ora fronteggiare una nuova ondata di critiche per gli inefficaci controlli effettuati prima della pubblicazione di un’app o un’estensione.

Via: EngadgetFonte: Twitter (SwiftOnSecurity)