Google uccide un altro suo servizio: addio Play Musica. Ecco come trasferire la propria raccolta

Nicola Ligas

Dei tanti servizi che nel corso del tempo Google ha mandato prematuramente al cimitero, l’addio di Play Musica è il meno improvviso, essendo stato annunciato ormai da tempo, ed ora il giorno della sepoltura è finalmente giunto.

L’app per dispositivi mobili e sul web ha web non è infatti più disponibile. Su Android, se provate ad avviare Play Music, sarete accolti da una splash screen che poi si trasforma nel logo di YouTube Music, mentre sul web verrete invitati a trasferire account e libreria su YouTube Music.

La procedura è semplicissima: bastano un paio di clic e consigli, brani piaciuti e non, acquisti e caricamenti e raccolta personale saranno tutti portati su YouTube Music (potrebbe volerci qualche ora per completare il trasferimento, ma farà tutto in automatico una volta avviato il procedimento). A seguire trovate alcuni screenshot di esempio. Al termine riceverete una email e/o una notifica sull’app, per avvisarvi che il trasferimento è completo.

Se non voleste trasferire alcunché, avrete anche le opzioni per scaricare la raccolta musicale, e per eliminare la cronologia dei consigli e la raccolta stessa.

E con questo, si conclude la storia di Play Musica. Speriamo che quella di YouTube Music abbia un corso diverso, e che magari Google prenda in considerazione anche l’app per Android Auto.